A+ A A-
 

I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm! I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm!

I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm!

recensioni

titolo
The Beyond
etichetta
Rockshots Records
Anno

01. Mechanization
02. Poltergeist
03. Alien Voodoo
04. Interdimensional Travel
05. The Beyond
06. Genesis
07. Rituals
08. Descent Into The Unknown
09. Haunted Labyrinth
10. Obelisk
11. Last Resort
12. Awakening
13. Towers Of Glass

opinioni autore

 
I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm! 2018-01-19 14:15:51 ENZO PRENOTTO
voto 
 
1.0
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    19 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"The Beyond" è il titolo dell’esordio discografico in veste solista del chitarrista Dustin Behm. Il buon Dustin fin da piccolo ha sempre adorato la chitarra e dopo lezioni, tanto studio e la partecipazioni in diverse bands, corona finalmente il suo sogno, ovvero comporre e pubblicare il proprio album solista che qui verrà analizzato per capire se il musicista abbia colto nel segno o meno. Di base, sul versante musicale, il disco è un continuo citare il death metal più tecnico, oltre che a certe visioni sonore prese dai Meshuggah.

Bisogna partire direttamente dai problemi e dare subito un avvertimento. Gli amanti della tecnica chitarristica proseguano con la lettura, mentre i normali appassionati di musica possono tranquillamente passare oltre o, se lo fanno, non si aspettino troppo. Purtroppo per Dustin ciò che manca nell’album sono le canzoni vere e proprie, in quanto tutte le tracce presenti sono praticamente identiche, con pochissime variazioni tra loro. Tutto è sparato a velocità folli, con assoli mostruosi continui dall’anima masturbatoria, senza classe o la benché minima raffinatezza o, al contrario, nessun senso di sporcizia o follia. Tutto è pompato, gonfio di ormoni, la sezione ritmica è parecchio plasticosa e lanciata a rotta di collo, melodia zero e le parti dove dovrebbe esserci un minimo di groove sono ridotte all’osso. Ci si trova all’ascolto di un classico lavoro da shredder stile Malmsteen ed affini, con una patinatura death metal dove tutto è alla velocità della luce, freddo, meccanico e senza “pasta” ed a poco serve l’uso disturbante dei synth (che sarebbe una delle poche cose interessanti), in quanto ogni secondo è compresso in un susseguirsi di riffs banali e come detto, mitragliate di note che, se non si è musicisti, difficilmente non si prenderà sonno o si arriverà a premere tragicamente il tasto stop. Non bastano le rasoiate, i breakdown o, in generale, un continuo assalto sonoro per tenere alto l’interesse, perché in casi come questo non esiste la composizione, non ci sono né idee né personalità, ma solo meri esercizi strumentali.

I chitarristi sfegatati della tecnica adoreranno questo disco, ma chi cerca cuore ed anima nella musica qui non troverà nulla. A voi la scelta!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I venezuelani Demise ed un album che è una continua mattonata allo stomaco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo album per i romeni Vorus, che confermano la prova sufficiente del demo d'esordio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 9 anni di silenzio gli Unanimated tornano "solo" con un breve EP
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Veloce e violento il debutto degli svedesi Crawl: un disco che non fa prigionieri
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si respira un'aria di freschezza all'ascolto di questo debutto degli Ignore The Sign
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il buon debut album dei Neophobia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Expiatoria non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma di preciso, cos'è che vogliono proporre gli americani Homerik?
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
:Inferno 9:, un debutto "black metal" italiano impressionante!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Gates of Doom un EP che affronta la nascita romana delle loro terre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla