A+ A A-
 

I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo Hot

I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo

recensioni

gruppo
titolo
"Humanoid"
etichetta
Season Of Mist
Anno

 

LINE-UP:

Paul Masvidal: vocals, guitars, keyboards

Sean Malone: bass, stick

Matt Lynch: drums

opinioni autore

 
I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo 2018-01-19 18:19:29 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    19 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Cynic sono una sorta di istituzione nel mondo metal; il loro stile unico e pressoché inimitabile (negli anni, ricordo solo gli Aghora che ci provarono), estremamente tecnico ed alienante è diventato una sorta di marchio di fabbrica che permette alla band di Paul Masvidal di essere immediatamente riconoscibile senza possibilità di errore. In attesa di un full-lenght di cui ancora non si sa nulla, la band americana rilascia un singolo in digitale, intitolato “Humanoid”, la cui copertina è un pezzo di un dipinto dell’artista Robert Venosa (autore da sempre delle loro copertine, deceduto nel 2011) intitolato "Ayahuasca Dream". Con “Humanoid” i Cynic tornano a suonare musica metal accantonando il fusion che aveva imperversato nelle più recenti produzioni, tornano però a farlo sempre a modo loro, con quello stile inconfondibile. Il basso di Sean Malone è protagonista alla pari delle chitarre di Masvidal ed anche il nuovo batterista Matt Lynch se la cava alla grande, non facendo rimpiangere un mostro sacro come Sean Reinert. Ad essere sinceri, avrei preferito anche qualche tocco in growling al fine di incattivire un po’ il sound, invece Paul Masvidal canta sempre in maniera pulita, con quello stile quasi sognante che ha contraddistinto la produzione più recente della band. Dissonanti, dissacranti, esoterici, alienanti, iper-tecnici, moderni, sempre avanti, contro ogni moda ed ogni classificazione, i Cynic continuano imperterriti sulla loro personalissima strada, di cui questo singolo “Humanoid” è l’ennesima splendida tappa; o si amano, o si odiano, non ci sono vie di mezzo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

TrollfesT: I folk-troll norvegesi tornano con una nuova esplosiva miscela di stili
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Halcyon Way: la band di Atlanta di nuovo alla carica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Psychonolatry" abbiamo gli Electrocution mai così in stato di grazia
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash incazzatissimo per i giovani Ravager!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un demo di debutto più che sufficiente per A Vintage Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla