A+ A A-
 

OLTRE GLI SCHEMI DEL DEATH SVEDESE COI LEUKEMIA OLTRE GLI SCHEMI DEL DEATH SVEDESE COI LEUKEMIA Hot

OLTRE GLI SCHEMI DEL DEATH SVEDESE COI LEUKEMIA

Line Up:

 

Lord K Philipson: basso, batteria, chitarra

Tobbe Ander: chitarra

Joackim Jocke: voce

 

Tracklist:

 

1 Emotionally Dead

2 Murder

3 Sad

4 I Remain Silent

5 Roses

6 Tearflow

7 Dev(ho)manized

8 My Pain

9 Hurt

10 Feelings

11 Regrets

opinioni autore

 
OLTRE GLI SCHEMI DEL DEATH SVEDESE COI LEUKEMIA 2012-12-07 15:10:13 Michele Alluigi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    07 Dicembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 07 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati dalla mente di Lord K Philipson (noto ai più come membro dei Project Hate MCMXCIX e come ex membro dei Dark Funeral), i Leukemia vedono la loro fine ufficiale nel 1994. Solo nel 2006 il suo fondatore li cita e li riporta in auge decidendo cosi di ripubblicare il terzo disco “Love“ a ben tredici anni di distanza dalla prima edizione.
Un disco riscoperto e “riscopribile” ai profani dello swedish death: un sound crudo e brutale, come la più fiera tradizione scandinava può proporre, con in questo caso un pizzico di sperimentazione in più che fa esulare il disco dal classico disco death svedese e lo rende decisamente più interessante.
La parte death si rifà all'extreme anni ottanta di band come Dismember o Unleashed, questo è innegabile, ma si ascoltano anche interessanti intermezzi di synth e costrutti ritmici presi dal jazz, conditi con qualche fraseggio di chitarra più orientato sulle scale arabe.
In generale, alle parti serrate tipiche del genere si mischiano sapientemente anche parti più ariose (la traccia “Roses” è una vera propria ballad), e le liriche non trattano più solo il gore, ma si insinuano anche nei meandri delle sfere emozionali e psicologiche, rendendo quindi i Leukemia accostabili agli Anathema del primo (e per il sottoscritto unico) vero capolavoro della band inglese “The Silent Enigma”.
Questo disco, per concludere, lo consiglio sia ai fans del death metal svedese più tradizionale, sia agli amanti del gothic e del doom, poiché in esso figurano sinergici entrambi i gusti.

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla