A+ A A-
 

Tanti anni di gavetta serviranno pure a qualcosa! Lo dimostrano con questo ep gli svedesi Edgeland! Tanti anni di gavetta serviranno pure a qualcosa! Lo dimostrano con questo ep gli svedesi Edgeland! Hot

Tanti anni di gavetta serviranno pure a qualcosa! Lo dimostrano con questo ep gli svedesi Edgeland!

recensioni

gruppo
titolo
Cabin E11even
etichetta
Autoproduzione
Anno

Setlist: 1. Echo of agony (intro), 2. Bad Medicin, 3. Highway Queen, 4. Ghost, 5. I´m alive, 6. Leave it all behind

 

Band members

Jimmy Karlsson- Vocals, bass

Niklas Eriksson- Guitar

Magnus Blixt- Drums, Contact person

 

 

 

opinioni autore

 
Tanti anni di gavetta serviranno pure a qualcosa! Lo dimostrano con questo ep gli svedesi Edgeland! 2018-01-28 11:23:38 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    28 Gennaio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Davvero interessante questo ep che ci arriva dalla Svezia con gli Edgeland. Parliamo di un bel mix tra hard rock ed heavy metal melodico per 5 brani niente male che hanno attirato la nostra attenzione.

La band fonda le basi addirittura nel 1993 ma questo “Cabin E11even” è il loro primo lavoro. Si parte sfrontati con “Bad Medicin” pezzo tirato e “in your face” di impatto assoluto. Ma che dire di “Ghost” gran bel pezzo iper melodico ma che non dimentica la giusta potenza? Il gruppo viaggia coeso alla grande, dopotutto due decadi e mezzo assieme dovranno pure servire a qualcosa. “I'm alive” è un altro brano riuscito più heavy old school che suona molto anni 80 e persino la ballata che chiude il disco, “Leave it all behind”, non è affatto male, anzi mette in mostra le buone doti del singer Jimmy.

Un ep davvero riuscito che va oltre le nostre più rosee aspettative. Tanti anni di gavetta serviranno pure a qualcosa. Spero che gli Edgeland possano presto presentarsi con un vero e proprio full lenght!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno dei Darkness non delude i fedelissimi del Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal nulla arrivano gli sconosciuti (in senso letterale) The Heretics Fork
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i deathsters polacchi Symbolical
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno di Holter orfano di Jorn con un discreto lavoro di metal melodico e sinfonico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sound of the Raging Steppe: dalla Cina con furore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Gathering Darkness celebrano i vent'anni di carriera con "The Inexorable End"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente influenzato dalla corrente "core" il Progressive Death dei Technical Damage
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un breve (ma comunque interessante) EP i canadesi Dethgod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla terra del Death tecnico arriva una nuova interessante scoperta: i Samskaras
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non entusiasmante il debut dei Serpents Kiss
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash vecchia scuola con i Raging Rob
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla