A+ A A-
 

L'eccezionale nuovo live dei Gamma Ray L'eccezionale nuovo live dei Gamma Ray Hot

L'eccezionale nuovo live dei Gamma Ray

recensioni

gruppo
titolo
Skeletons & Majesties Live
etichetta
Edel/Ear Music
Anno

Tracklist:
CD1
01. Welcome (Intro)
02. Anywhere In The Galaxy
03. Men, Martians and Machines
04. The Spirit
05. Wings Of Destiny
06. Farewell
07. Gamma Ray
08. Money
09. Time To Break Free
10. Rebellion In Dreamland (Acoustic)
11. Send Me A Sign (Acoustic)

CD2
01. Induction
02. Dethrone Tyranny
03. Watcher In The Sky
04. Hold Your Ground
05.
A While In Dreamland
06. Rise
07. Brothers
08. Insurrection
09. Future World

 

Line up:

 

Kai Hansen: Guitars/Vocals
Henjo Richter: Guitars
Dirk Schlächter: Bass
Michael Ehré: Drums

opinioni autore

 
L'eccezionale nuovo live dei Gamma Ray 2012-12-09 18:19:55 Ninni Cangiano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    09 Dicembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 09 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensire un disco di una band storica come i Gamma Ray è sempre un rischio perché, da una parte essendo un fan, si rischia di esagerare con i complimenti ed essere poco obiettivi, dall’altra, perché, in caso di pareri negativi, si può trovare qualcuno che ci venga a dire “come osi a criticare tu che non sei un professionista?”. Nel caso di questo “Skeletons & Majesties Live”, quarto disco dal vivo della carriera della band tedesca non ci sono rischi del genere perché obiettivamente ci si trova di fronte ad un lavoro semplicemente maestoso, e scusate il gioco di parole! L’opera, presentata di doppio-cd (di cui parleremo in questa recensione), blu-ray e dvd (di cui purtroppo non abbiamo avuto a disposizione il materiale video), riporta la registrazione del concerto tenuto allo storico locale Z7 di Pratteln (Svizzera) il 29 Aprile 2011, prima occasione per sentire al lavoro il nuovo batterista Michael Ehré (al posto dello storico Daniel Zimmermann, uscito dalla band a gennaio 2011). Ma perché definiamo “maestoso” questo lavoro? In primis per la scelta indovinatissima della scaletta; la carriera dei Gamma Ray è lunghissima e piena di brani eccezionali, ma Kay Hansen & C. hanno saputo scegliere 18 pezzi splendidi, potremmo obiettare sulla mancanza di “The silence”, “No return” o “Last before the storm”, come anche di “One with the world” o “As time goes by”, per non parlare di “Land of the free” o “Valley of the kings”, ma i pezzi splendidi dei Gamma Ray sono talmente tanti che ci vorrebbero altri 2 cd per contenerli tutti! Un’altra arma di questo cd, sono gli arrangiamenti di alcuni pezzi che non vengono riproposti identici a quelli da studio, su tutti spiccano le versioni acustiche di “Rebellion in dreamland” e “Send me a sign” che sono semplicemente fantastiche. Da segnalare anche la presenza di un ospite illustre, come Michael Kiske su “Time to break free”, "A while in dreamland" e "Future world". Come avrete capito, ci si trova davanti ad un lavoro semplicemente eccezionale, una splendida testimonianza di cosa sappia fare dal vivo questa grande, grandissima band che ha scritto e tutti quanti ci auguriamo continui a lungo a scrivere pagine memorabili nella storia della musica metal mondiale. Imperdibile!!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla