A+ A A-
 

Irriverenti, dissacranti, violenti: i Buffalo Grillz si confermano la massima espressione italica del Grindcore Irriverenti, dissacranti, violenti: i Buffalo Grillz si confermano la massima espressione italica del Grindcore Hot

Irriverenti, dissacranti, violenti: i Buffalo Grillz si confermano la massima espressione italica del Grindcore

recensioni

titolo
Martin Burger King
etichetta
Subsound Records
Anno

Line Up: 
Tombinor - vocals 
Cinghio - guitars 
Pacio - bass 
Mizio - drums 

Tracklist: 
1. GG Aulin [02:51] 
2. Lenny Grindvitz [02:14] 
3. 66Seitan [01:49] 
4. Martin Burger King [02:38] 
5. Beverly Grillz 90666 [02:13] 
6. Carne Diem [02:55] 
7. Fiat Factory [02:34] 
8. Cradle of Findus [01:47] 
9. Scooby Doom [01:22] 
10. Fiorella Mannaia [01:07] 
11. Ponzio Pilates [02:17] 
12. Campari Sodom [02:42] 
13. Pus Springsteen [02:54] 
14. Le Bestie di Santana (Outro) [01:51] 

Running time: 31:14 

opinioni autore

 
Irriverenti, dissacranti, violenti: i Buffalo Grillz si confermano la massima espressione italica del Grindcore 2018-02-11 20:15:15 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    11 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A cinque anni di distanza da "Manzo Criminale" tornano con una nuova dose di violenza ed ignoranza i Buffalo Grillz, grindsters romani capitanati come sempre da Enrico "Tombinor" Giannone (Undertakers) e Marco "Cinghio" Mastrobuono (Hour of Penance), cui si aggiungono le due new entries Pacio (Dr. Gore) al basso e Mizio (Whiskey & Funeral, Spectral Forest ed ex di Ebola e VII Arcano) alla batteria. Chi ascolta Grind sa benissimo che insieme ai Cripple Bastards il quartetto romano rappresenta il top nazionale nel genere, grazie al sound sempre violento e tagliente, i titoli di album e brani irriverenti come pochi e le esplosive esibizioni live.

Con "Martin Burger King" i Buffalo Grillz non cambiano la loro formula: non prendono nulla seriamente, facendo il tutto molto seriamente! L'ossimoro è facilmente spiegabile: se da un lato abbiamo titoli a dir poco geniali (li potete leggere tutti nelle info della recensione qui sopra, ma ci terrei a far notare "Beverly Grillz 90666", "Scooby Doom" e "Campari Sodom"), dall'altro abbiamo una prova strumentale mostruosa, con Cinghio - che tutti noi conosciamo per essere il debordante bassista degli Hour of Penance - che qui alla chitarra si lancia in una serie infinita di riff feroci e taglienti, cui si appaiano la sparatissima sezione ritmica del "new blood" Pacio/Mizio e il solito, mastodontico growl di Giannone. Proprio quest'ultimo può vantare una certa libertà: non essendoci testi nelle composizioni dei Buffalo Grillz*, Enrico "Tombinor" è libero di sparare nel microfono il proprio growl sguaiato senza dover seguire particolari schemi intricati, ma lasciandosi guidare dal - e guidando il - comparto strumentale. Non mancano ovviamente campionamenti a film o cartoni, tutti scelti con grande oculatezza e conformi all'ironia che contraddistingue la macchina da guerra capitolina: vi basti pensare che il disco comincia con il leggendario stornello all'entrata nel ristorante Gli Incivili del commissario Auricchio (Lino Banfi) in "Fracchia la Belva Umana", mentre in "Cradle of Findus" abbiamo la coppia Brega/Verdone in "Un Sacco Bello" (geniale che i BG abbiano scelto la scena di "E questa me la chiami violenza?").

I Buffalo Grillz giocano e si divertono, sono irriverenti ed ironici come praticamente nessun altro, non si prendono sul serio ma, come detto, lo fanno seriamente: lasciano che a parlare sia il loro Grindcore tritaossa, potente e trascinante come nessuno qui in Italia - no, nemmeno i Cripple Bastards -. "Martin Burger King" è l'ennesima scommessa vinta facilmente dalla Premiata Ditta Giannone/Cinghio: ormai che i Buffalo Grillz tirino fuori un disco mostruoso non viene manco più quotato alla SNAI.

*Su YouTube potrete vedere ed apprezzare il NO LYRICS VIDEO di "Beverly Grillz 90666".

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno dei Darkness non delude i fedelissimi del Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal nulla arrivano gli sconosciuti (in senso letterale) The Heretics Fork
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i deathsters polacchi Symbolical
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno di Holter orfano di Jorn con un discreto lavoro di metal melodico e sinfonico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sound of the Raging Steppe: dalla Cina con furore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Gathering Darkness celebrano i vent'anni di carriera con "The Inexorable End"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente influenzato dalla corrente "core" il Progressive Death dei Technical Damage
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un breve (ma comunque interessante) EP i canadesi Dethgod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla terra del Death tecnico arriva una nuova interessante scoperta: i Samskaras
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non entusiasmante il debut dei Serpents Kiss
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash vecchia scuola con i Raging Rob
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla