A+ A A-
 

Colpisce il Death/Doom orchestrale dei Rise of Avernus Colpisce il Death/Doom orchestrale dei Rise of Avernus Hot

Colpisce il Death/Doom orchestrale dei Rise of Avernus

recensioni

titolo
Eigengrau
etichetta
Code666
Anno

Line Up: 
Ben VanVollenhoven - vocals, guitars, orchestrations 
Mares Refalaeda - vocals, keyboards 
Andrew Craig - drums 

Tracklist: 
1. Terminus [05:53] 
2. Ad Infinitum [05:03] 
3. Gehenna [06:10] 
4. Eigenlicht [07:47] 
5. Tempest [04:59] 
6. Forged in Eidolon [06:07] 
7. Mimicry [04:00] 
8. Inti Aetherium [08:17] 

Running time: 48:16 

opinioni autore

 
Colpisce il Death/Doom orchestrale dei Rise of Avernus 2018-02-11 21:52:06 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    11 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo album - cui si aggiungono due EP - per gli australiani Rise of Avernus, band che dal 2011 ad oggi è stata particolarmente prolifica sia sotto il piano delle pubblicazioni, come vedete, sia per quanto riguarda i live. Nel corso di questi anni infatti, la band australiana ha avuto modo di condividere il palco con grossi nomi come Fleshgod Apocalypse, Septicflesh, Rotting Christ, Enslaved, Apocalyptica ed Eluveitie, oltre che aver fatto da main support in Giappone prima per gli Eternal Tears of Sorrow, poi per Arcturus e 1349. Il genere proposto dai nostri è un Death/Doom orchestrale, che molto deve, in termini d'influenze, proprio a Fleshgod Apocalypse e Septicflesh.

Questo perché la componente orchestrale ha particolare importanza nel sound dei Rise of Avernus, così come i colossi italiano e greco: il lavoro d'orchestrazione di Ben VanVollenhoven è quell'arma in più che rende il lavoro dei nostri ancor più bello di quanto potesse già essere normalmente. Il Death/Doom dei RoA è infatti devoto soprattutto alla scuola finnico-svedese, quella in cui il Melodic Death si riflette nelle atmosfere malinconiche del Doom: il tocco orchestrale riesce a dare un pathos ancora maggiore a brani che già funzionano, soprattutto per l'uso massiccio di archi. A giovarne sono tutti i brani compresi in "Eigengrau", ma già dalla prima coppia di pezzi composta da "Terminus" e "Ad infinitum" possiamo apprezzare le atmosfere squisitamente malinconiche che i RoA riescono a darci, con in più un tocco quasi epico, come appunto in "Ad Infinitum". Mai come questa volta è arduo poter dire quale pezzo possa esser ritenuto anche solo un filo migliore rispetto gli altri: l'intero disco è permeato di una magnificenza totale, musicalmente, tematicamente, atmosfericamente, e a tutto questo dobbiamo aggiungere una produzione perfetta, chiara e potente, che riesce a non far andare in secondo piano il resto degli strumenti rispetto alle imponenti orchestrazioni.

Per gli amanti del Metal estremo orchestrale, così come i semplici fruitori di Death/Doom svedese, quello dei Rise of Avernus è un lavoro che potrà di certo accendere l'interesse. "Eigengrau" è formato da otto perle, risultando essere nel suo genere un gioiellino imperdibile.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno dei Darkness non delude i fedelissimi del Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal nulla arrivano gli sconosciuti (in senso letterale) The Heretics Fork
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i deathsters polacchi Symbolical
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno di Holter orfano di Jorn con un discreto lavoro di metal melodico e sinfonico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sound of the Raging Steppe: dalla Cina con furore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Gathering Darkness celebrano i vent'anni di carriera con "The Inexorable End"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente influenzato dalla corrente "core" il Progressive Death dei Technical Damage
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un breve (ma comunque interessante) EP i canadesi Dethgod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla terra del Death tecnico arriva una nuova interessante scoperta: i Samskaras
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non entusiasmante il debut dei Serpents Kiss
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash vecchia scuola con i Raging Rob
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla