A+ A A-
 

Dall'India una bella sorpresa: i deathsters Killibrium Dall'India una bella sorpresa: i deathsters Killibrium

Dall'India una bella sorpresa: i deathsters Killibrium

recensioni

titolo
Purge
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up:
Nitin Rajan - Vocals
Keshav Kumar - Guitars
Suvajit “Bunty” Chakraborty – Bass
Mihir Bhende - Drums 

Tracklist: 
1. Forewarned is Forearmed [03:59] 
2. Denominator [05:53] 
3. Mental Illusions [04:25] 
4. Vigilante [04:10] 
5. Purge [03:44] 
6. Last Man Standing [02:05] 

Running time: 24:16 

opinioni autore

 
Dall'India una bella sorpresa: i deathsters Killibrium 2018-03-19 19:55:52 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    19 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debutto assoluto per i Killibrium, Death Metal band formatasi lo scorso anno in quel di Mumbai, nella regione del Maharashtra (in India). "Purge", uscito autoprodotto un paio di settimane fa, è un concentrato di Death Metal nudo e crudo, potente, compatto, tecnico che prende a piene mani sia da uno stile più "classico" (Malevolent Creation, Vader), sia da quello più brutale e tecnico (Suffocation, Aborted, Cattle Decapitation).

Non bisogna aspettarsi però una semplice scarica di violenza da questo primo EP della band indiana, come dimostra la più varia "Denominator", in cui atmosfere più cupe fanno il paio alle massicce parti più prettamente US Death. Il quartetto indiano non porta in dote assolutamente nulla di nuovo, ma non credo proprio fosse quello il loro intento; "Purge" infatto è uno di quei dischi che colpisce per il massiccio impatto che crea: suonato con eccellente dinamismo, questo EP gode anche di una produzione degna di nota, che riesce a mettere in risalto tanto i singoli componenti quanto l'intero insieme. Colpisce comunque, come detto, la varietà del songwriting: piuttosto che restare impantanati in un solo ed unico sound, i Killibrium scelgono di dare una mescolata al mazzo, col risultato che "Purge" è un dischetto di cui è impossibile annoiarsi; basta prendere il brano "Mental Illusions", la cui parte finale, dopo uno spietato Death à la Suffocation, diventa un più arioso (per modo di dire) Thrash/Death vaderiano. Il meglio i nostri lo danno però col pezzo seguente, "Vigilante", canzone in cui si posson trovare rimandi anche ai nostrano Hour of Penance.

Promossi quindi i Killibrium? E che cazzo, ovvio che sì! "Purge" nulla aggiunge e nulla toglie alla scena Death, ma resta un debutto egregiamente suonato e prodotto che proietta i Killibrium dritti dritti tra le più interessanti novità in circolazione (per lo meno tra quelle arrivatemi in redazione). Si spera di sentirli quanto prima su una distanza più lunga, ma prima i nostri devono risolvere un problema non di poco conto: sostituire il fuoriuscito vocalist Nitin Rajan (autore in "Purge" di una prova mastodontica).

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Urze De Lume ed un disco che non ha niente a che spartire con il metal
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro buon disco per i Cryonic Temple
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il solito hard rock moderno per i Co-op: tanta potenza, poche vibrazioni
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fantasy Opus, un buon esempio di power metal teutonico dal tocco progressivo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blaze Of Perdition, aspettatevi l'inaspettato.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eigensinn, dalla Germania con sonorità moderne e voce femminile
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Eye Of The Destroyer, la bestia del New Jersey torna con un nuovo EP
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio alchemico tra filosofia e visioni mistiche: il nuovo EP dei Veratrum
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dygora dimostrano di essere pronti per il grande passo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva sul mercato occidentale "Зло внутри" degli ucraini Crystal Sword
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ben Blutzukker ed un E.P. di cui difficilmente ci si ricorderà in positivo
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli A Scar for the Wicked ed un sound che unisce perfettamente Deathcore e Melodic Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla