A+ A A-
 

Manca ancora qualcosa ai DunkelNacht per poter fare il salto di qualità Manca ancora qualcosa ai DunkelNacht per poter fare il salto di qualità Hot

Manca ancora qualcosa ai DunkelNacht per poter fare il salto di qualità

recensioni

titolo
Anthropocenia
etichetta
WormHoleDeath
Anno

Line Up: 
M.C. Abagor - vocals 
Heimdall - guitars, programming 
Alkhemohr - bass, backing vocals 
Tegaarst - drums 

Tracklist: 
1. Anthropocenia [05:58] 
2. Extinction [01:07] 
3. Nenia [04:46] 
4. Ikonoklazt [04:09] 

Running time: 16:00 

opinioni autore

 
Manca ancora qualcosa ai DunkelNacht per poter fare il salto di qualità 2018-03-22 14:34:07 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    22 Marzo, 2018
Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati nel 2004 in quel di Lille come solo-project AMbient del chitarrista Heimdall, col tempo i DunkelNacht si sono trasformati una band Black Metal, sfornando nel corso degli anni tre demo, quattro split, due album ("Atheist Dezekration" e "Revelatio") e due EP. Questo "Anthropocenia è il secondo EP per la band francese, che segue di un anno "Ritualz of the Occult".

Edito da WormHoleDeath, "Anthropocenia" è, purtroppo (in certi sensi), l'ennesima dimostrazione di una band che raggiunge una comoda sufficienza. Chi ha avuto modo di ascoltare anche i lavori precedenti della band transalpina, avrà notato come le loro composizioni siano qualitativamente nella media, ma senza che ci sia mai quel guizzo, quel quid in più che possa far emergere la band. In questo EP, la cosa si consolida ulteriormente: i quattro pezzi che lo compongono - tre a dir la verità, visto che "Extinction" è una breve strumentale acustica - non sono brutti, anzi suonano bene anche, ma, al netto di una produzione che poteva essere un filo migliore, non c'è comunque nulla che possa risultare memorabile, se non magari il brano "Nenia" per il suo sound Heavy-oriented (ed è un'altra strumentale, tra l'altro).

Lavoro sufficiente per i DunkelNacht, ma non più di questo: anzi a tratti forse potrebbe risultare anche un po' banalotto. Al quartetto transalpino manca sempre quel qualcosa che possa far fare loro un salto di qualità di cui, dopo 14 anni di carriera, necessiterebbero anche. Spiace dirlo, ma un'uscita come questo rischia di passare semplicemente come un granello di polvere nel vento.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un comeback di sostanza per gli Evildead!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La decadenza autunnale diviene musica con l'ottimo quarto album degli Ivan
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP sostanzialmente inutile per i Pig Destroyer
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra hard rock e metal l'energia non manca agli Hellsmoke!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Amenra, Wiegewood, Oathbreaker e Yob insieme per suonare Death Metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente lo Split con Exhumed e Gruesome
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Protokult: Folk metal dal Canada, dal power all'Arkona sound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto con il botto per i francesi Furies
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla