A+ A A-
 

Un prog rock vario per i Plurima Mundi Un prog rock vario per i Plurima Mundi Hot

Un prog rock vario per i Plurima Mundi

recensioni

titolo
Percorsi
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist

1.Eurasia

2.E Mi Vedrai…Per Te

3.L…..Tu Per Sempre

4.Male Interiore…La Mia Età

5.L…Tu Per Sempre Single version

 

Line-up

Massimiliano Monopoli – violino

Grazia Maremonti – voce

Massimo Bozza – basso

Silvio Silvestre – chitarra

Gianmarco Franchini – batteria

Lorenzo Semeraro – pianoforte

 

 

opinioni autore

 
Un prog rock vario per i Plurima Mundi 2018-03-27 10:09:19 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    27 Marzo, 2018
Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Plurima Mundi nascono nel 2004, fondati dal loro leader Massimiliano Monopoli, violinista di estrazione classica, docente al Conservatorio di Taranto e grande appassionato di progressive rock.

Il disco si apre con una buona strumentale di oltre 10 minuti, dove vengono inseriti elementi progressivi, sinfonici e folk, elementi che ci accompagneranno durante tutto il disco. E' con la seconda traccia che conosciamo Grazia Maremonti, singer a cui vengono affidate le parti vocali del disco. Una voce piena e teatrale la sua, che da il suo meglio in “L…..Tu Per Sempre”, a parere di chi scrive il miglior pezzo del disco, con ottime melodie vocali ed un ottima parte strumentale fatta ancora di parti sinfoniche con il violino a farla da padrone, insieme a momenti più pacati accompagnati dal pianoforte. Molto intrigante anche l'introspettiva “Male Interiore…La Mia Età”, più pacata, intensa, anche se forse un po' troppo dilungata nei suoi 12 minuti di durata.

Il prog rock italiano non è morto anzi, grazie a band come i Plurima Mundi continua a vivere per la gioia degli amanti della buona musica. “Percorsi” è un disco vario e intenso che merita la nostra attenzione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I venezuelani Demise ed un album che è una continua mattonata allo stomaco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo album per i romeni Vorus, che confermano la prova sufficiente del demo d'esordio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 9 anni di silenzio gli Unanimated tornano "solo" con un breve EP
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Veloce e violento il debutto degli svedesi Crawl: un disco che non fa prigionieri
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si respira un'aria di freschezza all'ascolto di questo debutto degli Ignore The Sign
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il buon debut album dei Neophobia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Expiatoria non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma di preciso, cos'è che vogliono proporre gli americani Homerik?
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
:Inferno 9:, un debutto "black metal" italiano impressionante!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Gates of Doom un EP che affronta la nascita romana delle loro terre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla