A+ A A-
 

Night Legion, un debutto per i fans del power metal più canonico Night Legion, un debutto per i fans del power metal più canonico

Night Legion, un debutto per i fans del power metal più canonico

recensioni

titolo
"Night Legion"
etichetta
Massacre Records
Anno

 

TRACKLIST:

1. Into the light

2. Night legion

3. Enter the storm

4. The warrior

5. This time

6. Hell below

7. The eye of Hydra

8. As flames scorch the ground

9. Titan

 

 

LINE-UP:

Vo Simpson - Vocals

Stu Marshall - Guitar

Glenn Williams - Bass

Clay T - Drums

opinioni autore

 
Night Legion, un debutto per i fans del power metal più canonico 2018-04-13 08:33:37 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ad ottobre 2017, la Massacre Records ha pubblicato il debut album omonimo degli australiani Night Legion, band formatasi nel 2016 con membri di altri gruppi locali (sconosciuti al sottoscritto) come Darker Half, Death Dealer eDungeon. Il genere suonato da questi 4 australiani è un canonico power metal, con assolutamente niente di innovativo, ispirato sia a gruppi locali più famosi (mi vengono in mente i Black Majesty), ma anche un po’ alla scuola tedesca. Come detto non c’è nulla di nuovo nella musica dei Night Legion, eppure un fan del power metal come il sottoscritto ha in questo disco comunque un ascolto gradevole. Obiettivamente non manca nulla nel loro sound dei classici stilemi del power: una voce acuta (anche decentemente espressiva, per il buon Vo Simpson), tanti assoli di chitarra (bravo questo Stu Marshall!), ben sorretti da un basso protagonista e soprattutto dalla batteria con spesso e volentieri la doppia cassa a manetta (Clay T ha doti valide, anche se avrei preferito maggiore risalto al suo strumento). Non c’è una hit che ti fa saltare dalla sedia e risalta in maniera notevole rispetto alla massa, ma 9 pezzi che si fanno ascoltare piacevolmente per poco più di 37 minuti. Anche la struttura dei brani è valida ed efficace, dato che non abbiamo componimenti prolissi o esagerati, né al contrario troppo stringati. Se, quindi, in conclusione, non siete maniaci dell’innovazione e siete fans del power metal più canonico, questo debutto omonimo dei Night Legion può essere un disco che non vi dispiacerà ascoltare, tenendo comunque ben presente che non si tratta di un lavoro che passerà alla storia dello specifico settore musicale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dimmu Borgir - Carmina Burana del terzo millenio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che bomba il nuovo disco degli Angelus Apatrida!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al terzo album è arrivato il momento del salto per i Sadistik Forest?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Kinetik
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Infinitas hanno fatto passi da gigante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto debutto per i blacksters romani Ulfhednar
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared devono prestare maggiore attenzione all'efficacia dei loro brani.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
North Hammer: Full-lenght di debutto per i canadesi dal cuore nord-europeo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Widow's Peak: Technical Death band canadese dal buon futuro assicurato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla