A+ A A-
 

Un lavoro acustico e intenso per gli Shadygrove che uniscono diversi musicisti della scena italiana! Un lavoro acustico e intenso per gli Shadygrove che uniscono diversi musicisti della scena italiana!

Un lavoro acustico e intenso per gli Shadygrove che uniscono diversi musicisti della scena italiana!

recensioni

titolo
In The Heart Of Scarlet Wood
etichetta
Rockshots Records
Anno

TRACKLIST:

1. Scarlet Wood (4:37)

2. My Silver Seal (5;56)

3. The Port Of Lisbon (3:42)

4. Eve Of Love (5:30)

5. This Is The Night (5:18)

6. Cydonia (4:39)

7. Northern Lights (5:56)

8. Let The Candle Burn (5:27)

9. Queen Of Amber (6:02)

Album Length: 47:12

 

SHADYGROVE is

Lisy Stefanoni - Vocals, Flute

Fabio “Lethien” Polo - Violin

Matteo Comar - Guitar 

Elena Crolle - Keyboards

Davide Papa - Bass

Simone Morettin - Drums, Ethnic Percussions

 

 

opinioni autore

 
Un lavoro acustico e intenso per gli Shadygrove che uniscono diversi musicisti della scena italiana! 2018-04-13 13:14:46 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    13 Aprile, 2018
Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' un piacere ritrovare Lisy Stefanoni in questa nuova veste, insieme ad altri musicisti giù navigati della scena italiana, per coprire quel piccolo grande vuoto lasciato dalla scomparsa degli Evenoire, band che si era fatta riconoscere con due bellissimi lavori di metal melodico e ricercato con sonorità folk.

Questi Shadygrove, che debuttano appunto con “In The Heart Of Scarlet Wood” , puntano su pezzi completamente acustici, dove la componente folk è molto presente grazie al violino di Fabio "Lethien" Polo (Elvenking). Ne esce un lavoro intenso, nel quale appunto si incontrano musica popolare, celtica e folk per un viaggio attraverso la natura da intraprendere ad occhi chiusi, lasciandosi guidare dalle note dell'iniziale “Scarlet Wood” o dalla bellissima “Eve of love”, che può ricordare senza dubbio i Blackmore's Night, ma anche qualcosa del bellissimo progetto “The Gentle Storm” di Arjen Lucassen (Ayreon) ed Anneke (se ve lo siete perso, andatevelo a recuperare!). E l'approccio vocale di Lisy molto deve alla storica singer olandese ex-The Gathering e si adatta alla perfezione a questi brani. La parola d'ordine è “lasciarsi trasportare”; sì, perchè ascoltando la musica dei Shadygrove vi sembrerà di stare in mezzo ad una foresta incantata, ballando attorno ad un fuoco acceso con le note di “My Silver Seal” e “This Is The Night”, aspettando il sorgere del sole.

Dal bellissimo artwork fino alle calde melodie che troverete premendo il tasto play, verrete catapultati nel bellissimo mondo dei Shadygrove. Benvenuti ragazzi!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Arion, ottimo power metal dalla Finlandia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma non è che gli Internal Bleeding hanno ormai fatto il loro tempo?
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ultha, prossimi alla totale perfezione!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
THAW, dalle stelle alle stalle.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cosmic Church, un viaggio unico nel suo genere!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Rock raffinato e splendide melodie in questo nuovo disco dei Cage
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non proprio esaltante il debut degli Alchemy Chamber
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Entierro - siete pronti per la sepoltura?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo lavoro dei Cernunnos è ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante il debut dei Beriedir
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla