A+ A A-
 

Un concept fantascientifico per gli Headless Crown Un concept fantascientifico per gli Headless Crown

Un concept fantascientifico per gli Headless Crown

recensioni

titolo
"Century of decay"
etichetta
Massacre Records
Anno

 

 

TRACKLIST:

1. Century of decay

2. Radiant in grey

3. The blackness

4. Grinder of souls

5. Listen

6. Plan 9

7. Outermind travel

8. The end

9. The eyes of the crow

10. The manipulators of dreams

11. Degree absolute

 

 

LINE-UP

Steff Perrone - Lead Vocals

Manu Froelicher - Guitar

Ced Legger - Guitar

Mack Machet - Bass

Carlos Bensabat - Drums

opinioni autore

 
Un concept fantascientifico per gli Headless Crown 2018-05-13 15:59:09 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Headless Crown si sono formati in Svizzera nel 2011 per iniziativa del chitarrista Manu Froelicher e del cantante Steff Perrone; hanno rilasciato il loro debut album nel 2015, intitolato “Time for revolution” (a me sconosciuto); a fine marzo 2018 la Massacre Records ha pubblicato il loro secondo lavoro, intitolato “Century of decay”. Si tratta di un concept album scritto dal cantante Steff Perrone che si è ispirato al libro di fantascienza “1984” di G. Orwell, a film sempre di fantascienza degli anni ’80 come “Brazil” e “Blade Runner”, nonché alla serie tv inglese degli anni ’60 “The prisoner”. Il sound è un roccioso heavy metal dalle tinte power che si lascia ascoltare gradevolmente. Il problema principale di questo album, che inizia anche bene con la title-track (una delle canzoni migliori), è che manca una vera e propria hit che conquisti immediatamente e valga da sola l’acquisto dell’album; tutti i pezzi più e meno si equivalgono, ma non verso l’eccellenza, quanto piuttosto su un livello di sufficienza, nel senso che si lasciano ascoltare piacevolmente, ma non restano in mente né in positivo, né in negativo. Ho ascoltato più e più volte questo disco, nella speranza di avere sensazioni differenti, anche a distanza di tempo dalla volta precedente, ma il risultato era sempre uguale: non male, ma niente di eccezionale. Gli assoli di chitarra sono piacevoli, il basso lavora bene, la batteria picchia a dovere, il cantato non è malaccio, anche se forse un po’ troppo sporco per i miei gusti ma, tutto sommato, ben si adatta al sound della band; la struttura degli 11 pezzi è ben realizzata, così come è ben curata la produzione. Ciò nonostante, la mia mente tornava sempre al punto di prima: un lavoro senza infamia e senza lode che merita la sufficienza, ma nulla di più. Metalheads date comunque qualche ascolto a questo “Century of decay” degli Headless Crown, magari riuscirete ad apprezzare meglio di quanto sia riuscito a me.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dimmu Borgir - Carmina Burana del terzo millenio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che bomba il nuovo disco degli Angelus Apatrida!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al terzo album è arrivato il momento del salto per i Sadistik Forest?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Kinetik
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Infinitas hanno fatto passi da gigante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto debutto per i blacksters romani Ulfhednar
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared devono prestare maggiore attenzione all'efficacia dei loro brani.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
North Hammer: Full-lenght di debutto per i canadesi dal cuore nord-europeo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Widow's Peak: Technical Death band canadese dal buon futuro assicurato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla