A+ A A-
 

La Janara: hard rock e metal ed un forte legame con l'Irpinia La Janara: hard rock e metal ed un forte legame con l'Irpinia

La Janara: hard rock e metal ed un forte legame con l'Irpinia

recensioni

gruppo
titolo
La Janara
etichetta
Black Widow Records
Anno

TRACK LIST:

1. IANVA

2. SUL ROGO

3. SPETTRI

4. STREGA

5. LE JANARE

6. MALOMBRA

7. CUORE DI TERRA

8. ORCHI

9. REQUIEM

10. LUCE

 

LINE-UP:

LA JANARA - VOCE
IL BOIA -
GUITAR

L'INQUISITORE - BASS GUITAR

L'ALCHIMISTA - DRUMS

 

opinioni autore

 
La Janara: hard rock e metal ed un forte legame con l'Irpinia 2018-05-15 10:02:24 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    15 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 15 Mag, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attirato dall'interessante artwork, mi avvicino a questo debutto targato La Janara con una certa curiosità. Già, perchè la Janara è una creatura misteriosa presente nei racconti e nelle leggende dell'Irpinia, luogo da dove arrivano questi 4 musicisti. La band nasce nel 2015 con una proposta molto interessante che unisce l'hard rock classico con un pizzico di heavy metal, un cantato in italiano ad opera della brava singer Raffaella ed un tocco folkloristico legato proprio alla loro terra, che rende veramente interessante questo lavoro.

Insomma già dall'arpeggio iniziale capiamo di essere di fronte ad un lavoro non banale. Questo debutto è un disco suonato con il cuore che si dimostra valido già dai primi ascolti. “Sul rogo” conquista con ottime linee vocali ed una certa potenza, mentre “Spettri” mostra il lato più progressivo del gruppo italiano. Nonostante la componente principale di questi 10 brani sia la melodia vocale, bisogna dire che il lavoro strumentale non è affatto banale, anzi la chitarra di Nicola Vitale suona bei riff e solos, a tratti accompagnata dall'hammond e da buoni arrangiamenti. L'arpeggio della breve “Malombra” ci accompagna alla più oscura e progressiva “Cuore di terra”, mentre la melodica “Strega” si erge a hit del disco con un gran bel ritornello da canticchiare.

“La Janara” è il classico disco che ci dovrebbe far riflettere, perchè a volte ci esaltiamo per uscite discografiche di bands straniere con poca personalità quando, stando in casa, possiamo trovare delle proposte davvero piacevoli ed interessanti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dimmu Borgir - Carmina Burana del terzo millenio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che bomba il nuovo disco degli Angelus Apatrida!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al terzo album è arrivato il momento del salto per i Sadistik Forest?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Kinetik
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Infinitas hanno fatto passi da gigante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto debutto per i blacksters romani Ulfhednar
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared devono prestare maggiore attenzione all'efficacia dei loro brani.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
North Hammer: Full-lenght di debutto per i canadesi dal cuore nord-europeo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Widow's Peak: Technical Death band canadese dal buon futuro assicurato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla