A+ A A-
 

"Narrami, o Musa, dell'eroe che tanto vagò" Gli Imperious raccontano l'Odissea "Narrami, o Musa, dell'eroe che tanto vagò" Gli Imperious raccontano l'Odissea

"Narrami, o Musa, dell'eroe che tanto vagò" Gli Imperious raccontano l'Odissea

recensioni

gruppo
titolo
Tales of Woe - The Journey of Odysseus - Part I: From Ilion to Hades
etichetta
Massacre Records
Anno

TRACKLIST:

1. At The Shores Of Ilion

2. To Abjure Temptation

3. At The Cave Of Polyphemus

4. The Sharpened Pale

5. Insidious Winds

6. At The Bay Of Telepylos

7. The Feasting Of The Laestrygonians

8. Celestial Tunes Of Moral Fraud

9. At The Realm Of Hades

10. Where Cimmerian Darkness Dwells

 

FORMAZIONE: 

Sertorius - Lead Vocals, Bass Guitar, Orchestral Arrangements

Iluaar - Lead Guitars

Kalmesh - Rhythm Guitars, Vocals

 

DISCOGRAFIA:

2011 Varus

2017 Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus, Part I: From Ilion To Hades

2017 Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus, Part II: From Hades To Ithaca

opinioni autore

 
"Narrami, o Musa, dell'eroe che tanto vagò" Gli Imperious raccontano l'Odissea 2018-05-17 14:49:21 Danilo Dardano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Danilo Dardano    17 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 17 Mag, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I bavaresi Imperious propongono un doppio concept album basato sull'Odissea. Tales of Woe – The Journey Of Odysseus è diviso in due parti, uscite ad un anno di distanza l'una dall'altra.

Il titolo della prima parte è Part I: From Ilion to Hades, uscito nel 2015 (e ristampato nel 2017). La narrazione del viaggio dell'eroe omerico fin da subito appare come un lavoro in cui ogni dettaglio è ben curato. Dopo una breve introduzione recitata, si parte con un sound decisamente moderno e pulito, molto vicino a gruppi come Draugnim, Falkenbach e, in minor misura, Kampfar, ma senza dubbio di grande originalità. La performance vocale è molto varia: si passa dal recitativo, al canto growl, al canto pulito con disinvoltura. L'ascolto risulta nel complesso immersivo e coinvolgente, anche ogni traccia fluisce nella successiva con naturalezza. Part I è sicuramente un disco di qualità: il brano The Sharpened Pale è senza dubbio il migliore fra i dieci proposti, ma non sussistono dei grossi cali di qualità all'interno dei 62 minuti di musica del trio tedesco.

Gli unici veri due difetti che si possono riscontrare in Tales Of Woe Part I possono essere l'eccessiva ripetizione di alcuni riff nei brani più lunghi e magari gli assoli di chitarra che appaiono un po' sottotono rispetto al pathos che caratterizza l'intera musica. Tuttavia si tratta di piccolezze che non svalutano assolutamente l'album.

L'ascolto è consigliato soprattutto ai fan di Draugnim e Stormlord, e a tutti coloro che sono affascinati da sonorità melodiche e malinconiche, che non scadano eccessivamente nel sinfonico come è di moda negli ultimi anni. Sconsigliato soltanto agli amanti dell'old-school, che potrebbero trovarlo prolisso ed estremamente melodico.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dimmu Borgir - Carmina Burana del terzo millenio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che bomba il nuovo disco degli Angelus Apatrida!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al terzo album è arrivato il momento del salto per i Sadistik Forest?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Kinetik
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Infinitas hanno fatto passi da gigante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto debutto per i blacksters romani Ulfhednar
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared devono prestare maggiore attenzione all'efficacia dei loro brani.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
North Hammer: Full-lenght di debutto per i canadesi dal cuore nord-europeo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Widow's Peak: Technical Death band canadese dal buon futuro assicurato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla