A+ A A-
 

Il ritorno della leggenda di Göteborg: gli At The Gates ed il loro mastodontico nuovo album Il ritorno della leggenda di Göteborg: gli At The Gates ed il loro mastodontico nuovo album Hot

Il ritorno della leggenda di Göteborg: gli At The Gates ed il loro mastodontico nuovo album

recensioni

titolo
To Drink From The Night Itslef
etichetta
Century Media Records
Anno

Tracklist:

  • Der Widerstand
  • To Drink From The Night Itself
  • A Stare Bound In Stone
  • Palace Of Lepers
  • Daggers Of Black Haze
  • The Chasm
  • In Nameless Sleep
  • The Colours Of The Beast
  • A Labyrinth Of Tombs
  • Seas Of Starvation
  • In Death They Shall Burn
  • The Mirror Black
Line-up:
  • Tomas Lindberg - Vocals
  • Jonas Björler - Bass
  • Adrian Erlandsson - Drums
  • Martin Larsson - Guitars
  • Jonas Stålhammar - Guiars

opinioni autore

 
Il ritorno della leggenda di Göteborg: gli At The Gates ed il loro mastodontico nuovo album 2018-05-18 16:01:12 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    18 Mag, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E finalmente ci siamo ragazzi, l'album più atteso del 2018 è appena uscito: "To Drink From The Night Itslef" dei leggendari At The Gates!
La mia primissima recensione su questo portale fu proprio in merito al loro penultimo album "At War With Reality" (2014) e, in quell'occasione, mi contenni con il voto scrivendo testuali parole: " un lavoro ben fatto, sicuramente più maturo e studiato, ma che ci lascia intuire che il quintetto svedese non ha voluto osare di più, forse per dare continuità e senso di crescita alle proprie produzioni o forse per non “spaventare” i fan storici con un prodotto completamente nuovo ed innovativo, azione sicuramente troppo sfacciata e avventata per quasi vent’anni di inattività. Insomma, la band è tornata e vuole farlo gradualmente."

Ebbene, confesso che, fosse stato per me, avrei dato un voto pieno ad occhi chiusi già allora, ma ho voluto riservarmi questo onore proprio in merito all'uscita del loro nuovo album. Signori, "To Drink From The Night Itself" è un lavoro disumano, spettacolare, potente ed aggressivo... in una parola: perfetto! Una bomba che è figlia diretta del precedente mostro partorito 4 anni fa e che finalmente ci dà una piena prova della maturità stilistica e musicale che il quintetto, capeggiato dallo storico Tom, ha raggiunto negli anni.
Taglio subito la testa al toro con questa (forse considerata) eresia: il capitolo "Slaughter Of The Soul" (1995) può essere considerato chiuso! Mettete da parte quelle sonorità crude, acide e brutali che immortalarono nella leggenda gli At The Gates e che, sia chiaro, restano la loro punta di diamante. Qui,però, c'è dell' altro: un feroce melodic death ancora più grezzo e brutale quasi tendente al death come affermato dallo stesso Tom, ma che è in perfetta continuità e maturazione con il glorioso passato del quintetto svedese. Durante tutto l'ascolto non mancano certo i richiami al lontano 1995 per quanto riguarda l'aggressività e cattiveria dei riff (c'è poco da fare, una volta imparato a pedalare senza rotelle non lo si scorda più) ma a ciò si aggiunge una pienezza e robustezza di sonorità che a tratti ricordano addirittura il black metal ed anche un osare di più nella complessità dei brani stessi. Fatevene una ragione: la band cresce a livello musicale e non potete farci niente! La bravura sta proprio nel saper valorizzare la propria maturazione e i leggendari At The Gates, al contrario di molti altri gruppi che, ahimè, hanno perso la retta via, hanno fatto questo. A ciò bisogna aggiungere il cambio di line-up che vede la dipartita dello storico chitarrista e co-fondatore Anders Björler in favore di Jonas Stålhammar (The Lurking Fear, Crippled Black Phoenix, Bombs Of Hades e God Macabre): scelta sicuramente sofferta per noi amanti della vecchia gloria ma che non ha fatto perdere neanche mezzo colpo alla band a livello musicale. Insomma, l'album non poteva che essere perfetto già in potenza.


Sono più che sicuro che i nostalgici troveranno pane per i loro denti e non potranno non riconoscere l'enorme salto di qualità dei nostri pionieri svedesi. Ascoltare per credere! E voi, Tom, Jonas, Adrian, Martin e Jonas, oggi avete fatto la storia confermando il vostro talento e ripagandoci di tutto il tempo che ci avete fatto aspettare prima di tornare in attività. Un nuovo capitolo è iniziato per gli At The Gates!

Trovi utile questa opinione? 
330
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hollow Haze e l'ennesimo disco di grande qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei Side Effects all'insegna dell'amore per gli Iron Maiden
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Disco alquanto vario ed interessante questo quarto full-length dei Majesty of Revival
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla