A+ A A-
 

I Salty Dog con un dischetto che verrà apprezzato dal pubblico ancora fortemente legato agli 80s. I Salty Dog con un dischetto che verrà apprezzato dal pubblico ancora fortemente legato agli 80s.

I Salty Dog con un dischetto che verrà apprezzato dal pubblico ancora fortemente legato agli 80s.

recensioni

gruppo
titolo
Lost Treasure
etichetta
Frontiers Records
Anno

Tracklist:

1 Damned If I Do 4:24

2 I Need More 3:25

3 Walk Softly 5:07

4 Open Sezme 4:05

5 Mission On A Hill 5:21

6 All That Glitters 4:20

7 Woman Scorned 3:31

8 Honeysuckle Wind 4:03

9 Didju 3:12

10 Old Fashioned Love 4:32

11 When Fools Rush In 5:33

opinioni autore

 
I Salty Dog con un dischetto che verrà apprezzato dal pubblico ancora fortemente legato agli 80s. 2018-05-26 10:35:44 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    26 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 26 Mag, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hard rock classico, country e blues si incontrano in questo ritorno dei Salty Dog, band losangelina nata nel 1986 che, dopo il debutto del 1990, si rifà viva solamente ora.

“Lost Treasure” può essere il vostro disco, se siete amanti delle sonorità più classiche tra Led Zeppelin, Guns and Roses ed Aerosmith, con un Darrel Beach al microfono che mette in mostra un'ugola graffiante. Una manciata e forse più di brani niente male, come “Walk Softly” e “Honeysuckle Wind” ma, nel complesso, un lavoro che deve troppo al passato. Il quintetto americano non riesce a trasmettere un tocco di personalità e la mancanza di un paio di hits non aiuta.

Si poteva continuare a vivere comodamente anche senza il ritorno dei Salty Dog certo, ma “Lost Treasure” è comunque un buon dischetto che verrà apprezzato dal pubblico ancora fortemente legato agli '80s.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Sommerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvellon, cresciuti a pane e Nightwish
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli austriaci Richthammer un disco senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Stardust", un malinconico urlo disperato dai belgi Soul Dissolution
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla