A+ A A-
 

Una mazzata thrash dalla Spagna: gli In Vain Una mazzata thrash dalla Spagna: gli In Vain Hot

Una mazzata thrash dalla Spagna: gli In Vain

recensioni

gruppo
titolo
"IV"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      The IV Legion

2.      Blood & steel

3.      Frozen wings

4.      The void inside

5.      To be King

6.      A new beginning

7.      In vain

8.      Through our veins

9.      The huntress legacy

10.  Assembled for war

 

 

LINE-UP:

Teodoro Seoane – Drums

Daniel Cordón – Vocals, guitars

Daniel Blanco Martín – Guitars

Mario Arredondo - Bass

opinioni autore

 
Una mazzata thrash dalla Spagna: gli In Vain 2018-06-01 18:00:38 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    01 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 01 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra i dischi usciti nel 2017 e pervenuti in redazione ad allaroundmetal.com solo di recente, uno che sicuramente merita ogni attenzione è “IV” dei thrashers spagnoli In Vain. La band madrilena è attiva sin dal 2004 e, come intuibile dal titolo, arriva al traguardo del quarto full-lenght. Non avevo mai sentito parlare di questo gruppo e mi dispiace tanto, perchè il loro thrash metal melodico, con qualche pizzico di power alla Orden Ogan (specie in "Throug our veins"), è indubbiamente piacevole, suonato bene, ricco di energia, molto ritmato, con pezzi efficaci e cantato anche in maniera ottimale. Il singer Daniel Cordón (anche chitarrista), infatti, spazia da parti in screaming a momenti più moderati ed espressivi con estrema semplicità e sorprende decisamente in maniera più che positiva. Il batterista Teodoro Seoane picchia come un forsennato dall’inizio alla fine, ma è anche poliedrico e non si limita al classico tupa-tupa monolitico. Le due chitarre macinano riff e parti soliste di gran gusto con il basso che ricama in sottofondo. Il disco è composto da 10 pezzi e parte con una breve strumentale iniziale che non è la classica inutile intro, ma un pezzo a sé stante. Si susseguono ottime hits thrash, ma credo che il top si raggiunga con l’autocelebrativa “In vain”, canzone dotata di un refrain azzeccatissimo che si stampa in testa immediatamente e che viene voglia di urlare a squarciagola assieme al cantante, ma anche di parti strumentali davvero di gran gusto. “IV” è sicuramente uno dei migliori dischi usciti nel 2017 in campo thrash che abbia avuto il piacere di ascoltare e mi meraviglia enormemente che gli In Vain abbiano dovuto far ricorso all’autoproduzione; riceviamo tonnellate di immondizie musicali dalle labels in giro per il mondo, anche le più note, ed è davvero sorprendente che un disco di simile valore sia autoprodotto ed una band così talentuosa non abbia un contratto!

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I venezuelani Demise ed un album che è una continua mattonata allo stomaco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primo album per i romeni Vorus, che confermano la prova sufficiente del demo d'esordio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 9 anni di silenzio gli Unanimated tornano "solo" con un breve EP
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Veloce e violento il debutto degli svedesi Crawl: un disco che non fa prigionieri
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si respira un'aria di freschezza all'ascolto di questo debutto degli Ignore The Sign
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il buon debut album dei Neophobia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Expiatoria non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma di preciso, cos'è che vogliono proporre gli americani Homerik?
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
:Inferno 9:, un debutto "black metal" italiano impressionante!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Gates of Doom un EP che affronta la nascita romana delle loro terre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla