A+ A A-
 

Sideproject per Linnea Vikström dei Therion: arrivano i QFT! Sideproject per Linnea Vikström dei Therion: arrivano i QFT!

Sideproject per Linnea Vikström dei Therion: arrivano i QFT!

recensioni

gruppo
titolo
Live In Space
etichetta
Despotz Records
Anno

1. End Of The Universe
2. Big Bang
3. Black Hole
4. QFT
5. Aliens
6. Time
7. Quasar
8. Light Speed
9. Live In Space
10. Jóga

opinioni autore

 
Sideproject per Linnea Vikström dei Therion: arrivano i QFT! 2018-06-11 09:08:35 ENZO PRENOTTO
voto 
 
2.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    11 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arriva il debutto discografico del nuovo progetto solista a nome QFT (ossia quantum field theory) a cui fa capo Linnea Vikström. Per chi non conoscesse la donzella in questione, trattasi della cantante dei Therion dal 2010 che ha deciso di fondare una nuova band per dedicarsi a qualcosa di più vicino alle proprie idee musicali. Il primo disco di questa nuova avventura si intitola “Live in Space” che vede la singer sbizzarrirsi parecchio sui generi musicali presentando un prodotto parecchio strano.

Per chi cercasse qualcosa di simile ai Therion qui non ne troverà nessuna traccia e basta l’iniziale “End of the Universe” con il suo andamento alla Black Sabbath, per levare di mezzo ogni dubbio. I ritmi si fanno lenti e pachidermici dove Linnea ci ricama sopra delle vocals potentissime ed, in taluni casi, abrasive che dimostrano il proprio mostruoso livello tecnico canoro. Eppure qualcosa non funziona e, proseguendo l’ascolto, le cose si fanno più chiare. Non c’è prima di tutto un’identità, in quanto la maggior parte delle tracce sembrano più una compilation, che non un disco vero e proprio data l’eccessiva diversità le une con le altre. C’è hard rock melodico zeppo di cori (“Big Bang” o la Van Halen oriented “Aliens”), certo prog metal come “Black Hole” dal riff potente con delle linee vocali eteree e pure delle ballad, alcune riuscite (l’intensa “Live in Space” dal crescendo epico), altre fiacche e poco consistenti (le spente “QFT” e “Time”). C’è troppa confusione senza un’idea chiara su cosa fare e, quando si tenta di puntare su bordate metalliche, emergono dei grossi problemi di songwriting, come nelle terrificanti “Quasar” e “Light Speed”, che risultano innocue e a volte troppo forzate. La voce poi, pare spesso concentrata a far vedere la propria tecnica con giochetti tecnici che finiscono solo con l’annoiare e, talune volte, anche a dar fastidio all’ascoltatore, a causa del loro essere troppo prolungate. Il problema più grosso è che non c’è una solida base compositiva e ciò si sente nella maggior parte dei brani, che si tendono a dimenticare facilmente non lasciando nulla nella mente.

Una chiara dimostrazione che non basta avere un alto livello tecnico per creare una buona canzone. Un album discreto, a volte nella media, a volte invece sotto, a causa del suo essere discontinuo e frammentato. Per ora rimandato!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Airrace hanno ancora molto da insegnare alle giovani leve
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mad Max trentacinque anni di carriera ricchi di passione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Witchunter: recensione di "Back OnThe Hunt (2016)
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo Ep per gi svedesi Sanctrum: una bomba atomica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Apocalypse, ennesimo centro per i Primal Fear
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mai darsi per vinti: tornano i Cayne!!!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il buon debut album dei Neophobia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Expiatoria non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma di preciso, cos'è che vogliono proporre gli americani Homerik?
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
:Inferno 9:, un debutto "black metal" italiano impressionante!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Gates of Doom un EP che affronta la nascita romana delle loro terre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piacevole thrash per gli svizzeri Mind Patrol
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla