A+ A A-
 

Gli instancabili Dave Ingram e Rogga Johansson alle prese con i loro Down Among the Dead Men Gli instancabili Dave Ingram e Rogga Johansson alle prese con i loro Down Among the Dead Men

Gli instancabili Dave Ingram e Rogga Johansson alle prese con i loro Down Among the Dead Men

recensioni

titolo
...and You Will Obey Me
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

LINE UP: 
David Ingram - vocals 
Rogga Johansson - guitars, bass 
Kjetil Lynghaug - guitars (session) 
Erik R. Bevenrud - drums (session) 

TRACKLIST: 
1. Destroy the Infinite [03:10] 
2. Axis of Insanity [02:57] 
3. ...and You will Obey Me [02:59] 
4. The End of Time [02:50] 
5. Omega [02:42] 
6. House of Blue Fire [02:48] 
7. The Age of Steel [03:07] 
8. Eye of Harmony [03:50] 
9. Darkness of Glass [03:21] 
10. Panopticon [02:47] 

Running time: 30:31 

opinioni autore

 
Gli instancabili Dave Ingram e Rogga Johansson alle prese con i loro Down Among the Dead Men 2018-06-16 16:03:21 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra gli artisti della scena Death odierna, Davbe Ingram e Rogga Johansson sono di certo tra i più prolifici degli ultimi tempi: il primo (ex-Bolt Thrower, Benediction e Hail of Bullets) è stato recentemente all'opera con gli Ursinne, mentre il chitarrista svedese tra le sue decine di bands presenti e passate vanta Echelon, Paganizer, Putrevore, Necrogod, Those who Bring the Torture e Johansson & Speckmann. Oggi i due riuniscono le forze per il loro progetto, Down Among the Dead Men, arrivando con questo "...and You Will Obey Me" alla pubblicazione del terzo album.

Per chi non conoscesse DATDM, è un progetto che al classico Death che ci si aspetterebbe dai due (con influenze che spaziano dai "soliti" Benediction e Bolt Thrower) unisce anche una spiccata attitudine Crust Punk à la Napalm Death/Extreme Noise Terror, che va a riversarsi anche nel sound dei nostri. I brani che compongono "...and You Will Obey Me", infatti, hanno come comune denominatore una rapidità d'esecuzione figlia delle influenze Crust che i nostri hanno portato in questa band: pezzi rapidi e duri, con una sezione ritmica incentrata esclusivamente nel più classico "tupa-tupa" più sfrenato, in un sound che più novantiano non si può. E non che ci si aspettasse qualcosa di diverso, da questi due soci a delinquere. Un disco che scorre rapido come i pezzi, con appena mezz'ora di durata che rendono l'ascolto ancora più semplice. Abbiamo vero un po' quella sensazione di ripetitività, ma d'altra parte il lavoro di Ingram e Johansson rispetta in pieno i canoni del genere scelto. Insomma, ci sta.

Un disco che sicuramente piacerà ai fans dei due musicisti coinvolti e delle loro svariate bands, con in più un discorso che si può ampliare ai fans di Napalm Death, Extreme Noise Terror e tutta quella frangia Grind/Crust con marcatissime attitudini Punk. Un lavoro onesto, che raggiunge facilmente una sufficienza meritata.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I croati Sage realizzano un promettente debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Kult ritornano in grande stile con il loro "The Eternal Darkness I Adore"!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schrat, onore e lode alla nera fiamma!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.  Un monumento all'acciaio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Raven Throne, una buona raccolta di EP!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Negacy, non male, ma nemmeno qualcosa di eccezionale
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un tocco di personalità in più non guasterebbe per gli Ominous Eclipse
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto quello degli abruzzesi In My Ashes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Minervium, un'altra incredibile realtà black metal per la nuova scena nazionale!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dying Leaf, il debutto "tra epico e profano"!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla