A+ A A-
 

Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville

Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville

recensioni

titolo
Tectonic
etichetta
Frontiers Records
Anno

Tracklist:

1. Time To Shine

2. Stand Up

3. Full Speed Ahead

4. Hit Me

5. Fighting Fate

6. Nocturna

7. Fatal Mistake

8. Shards

9. Cliché Freak Show

10. Eternal Spring

 

Line-up:

Amanda Somerville – All vocals

Sander Gommans – Guitars, bass

Mark Burnash – Bass on track 3

Paul Owsinski – second guitar on track 3 and 11

Andre Borgman – Drums

Erik van Ittersum – Keys

 

 

opinioni autore

 
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville 2018-06-20 10:03:25 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    20 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Forse non l'uscita più attesa nel mese di Giugno tra quelle della Frontiers Records (che pubblica Refuge, Sunstorm...), ma una release che sorprende in positivo proprio, merito di Amanda e dei suoi Trillium.

Niente di sorprendente certo, il sound di “Tectonic” si muove su sonorità symphonic/melodic metal con un tocco hard rock e alcune sonorità moderne. Ma i pezzi funzionano e, se questo sound fa per voi, avrete tre quarti d'ora a disposizione di buona musica. La bionda cantante americana Amanda Somerville è salita alla ribalta grazie a diverse collaborazioni, tra cui Avantasia, ma in realtà porta avanti da qualche anno anche questo progetto dove si occupa delle voci, ma anche del songwriting e, insieme a lei, troviamo il marito chitarrista e produttore Sander Gommans. Insomma un lavoro fatto in casa si potrebbe dire, ma sono spesso quelli che funzionano meglio, come gli gnocchi fatti dalla nonna! Il disco non ammette momenti sottotono e si esalta con pezzi come “Fatal Mistake”, la potente “Cliché Freak Show”, l'epica “Stand Up” e la mega ballatona orchestrale “Eternal Spring”, con una produzione esaltante ed una super prestazione per la singer americana.

Un lavoro magistrale per gli amanti del symphonic metal con voce femminile. I Trillium di Amanda battono un colpo forte in una scena spesso caratterizzata da releases fin troppo scontate.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Trent'anni di carriera, dieci album all'attivo: gli Obscenity restano una garanzia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da membri di Pestilence, Cryptopsy ed Incantation arrivano i bestiali Tribe of Pazuzu
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I M.I.GOD. ed il loro "sophisticated metal"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Più cupi, tristi e malinconici: tornano i finlandesi Swallow The Sun
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente piatto il debutto dei The Wandering Ascetic
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla