A+ A A-
 

Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico Hot

Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico

recensioni

titolo
Exiler
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

LINE UP: 
Dave Schmidt – vocals
Tony Petrocelly – guitars, bass
Patrick Bonvin – guitars
Kévin Paradis – drums (session) 

TRACKLIST: 
1. Rot of Augury [04:49]
2. A Testimony of Ruin [05:27]
3. The Clot [05:59]
4. Soubirous [07:19]
5. Fugue State [07:37]
6. Terraces of Purgation (feat. Enrico H. Di Lorenzo) [05:10]
7. Fester in Hesychasm [05:51]

Running time: 42:12 

opinioni autore

 
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico 2018-06-20 17:23:06 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    20 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 20 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ha quasi dell’incredibile come sia cresciuta in così poco tempo la nostrana Everlasting Spew Records. L’etichetta bresciana è infatti cresciuta esponenzialmente d’uscita in uscita, con produzioni sempre di livello qualitativo elevato, tanto che pian piano sta diventando un’etichetta di riferimento in Europa per quanto riguarda il Death Metal. Ultimo colpo in ordine di tempo è rappresentato dai Construct of Lethe, band americana che arriva con questo “Exiler” alla pubblicazione del proprio secondo album. Secondo album sì, ma con questo monicker, visto che la band è stata attiva dal 2001 al 2006 col nome Bethledeign e dal 2006 al 2010 come Xaoc. Ed è proprio per pubblicare materiale scritto e mai registrato delle due suddette incarnazioni (ed anche qualcosa dei Dead Syndicate), che Tony Petrocelly ha formato, con alla voce il fido compagno Dave Schmidt, questo nuovo progetto che può già vantare una maturità compositiva invidiabile.

Già dalle prime note dell’opener “Rot of Augury”, infatti, ci si rende conto di come i Construct of Lethe abbiano trovato una dimensione più personale: restano sempre influenze provenienti da gruppi come Hate Eternal e Morbid Angel, ma grazie ad un ottimo lavoro di songwriting ed arrangiamento la band statunitense riesce ad imprimere il proprio marchio alle composizioni. Impressiona soprattutto, con lo scorrere dell’album, l’incredibile lavoro fatto per le chitarre: tra assoli melodici, riff granitici e passaggi squsitamente tecnici, la premiata ditta Petrocelly/Bonvin offre una prestazione mostruosa; come mostruosa è la sezione ritmica, col martellante basso sempre di Tony Petrocelly ed una batteria semplicemente mastodontica! Ma quest’ultima cosa non dovrebbe stupire, visto che dietro le pelli si siede, in qualità di session, Kévin Paradis dei Benighted. Un Paradis semplicemente perfetto in tutto il disco, ma che si segnala soprattutto per la fantastica prestazione in “Soubirous”. “Exiler” è comunque un album il cui ascolto stupisce sempre più col passare dei minuti, e che raggiunge il proprio apice con “A Testimony of Ruin” e “Fugue State”, due brani costruiti maggiormente su ritmi lenti ed in cui si può godere più che negli altri brani presenti nel disco di una scrittura quanto mai perfetta. Soprattutto “Fugue State”, che tra arpeggi dal mood quasi inquetante ed un’interpretazione vocale di Dave Schmidt che rasenta la perfezione, vale quasi da sola l’acquisto.

“Exiler” va a rappresentare una delle più piacevoli sorprese dell’anno fino ad ora. Con quest’album i Construct of Lethe ci regalano una quarantina di minuti di ottimo Death Metal e, soprattutto, dimostrano di potere essere considerati (e DOVER essere considerati) tra le più interessanti realtà del panorama estremo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla