A+ A A-
 

"Okkult II": un discreto album per gli Atrocity, nonostante i fin troppo pesanti cori 'epici' "Okkult II": un discreto album per gli Atrocity, nonostante i fin troppo pesanti cori 'epici' Hot

"Okkult II": un discreto album per gli Atrocity, nonostante i fin troppo pesanti cori 'epici'

recensioni

gruppo
titolo
Okkult II
etichetta
Massacre Records
Anno

LINE UP: 
Alexander Krull - vocals 
Thorsten Bauer - guitars, bass 
Pete Streit - guitars 
Joris Nijenhuis - drums 

TRACKLIST: 
1. Masters of Darkness [04:03] 
2. Shadowtaker [04:35] 
3. Bloodshed and Triumph [03:50] 
4. Spell of Blood [03:43] 
5. Menschenschlachthaus [04:29] 
6. Gates to Oblivion (feat. Marc Grewe) [04:21] 
7. Infernal Sabbath [04:36] 
8. All Men Must Die [03:21] 
9. Phantom Ghost [03:43] 
10. Devil's Covenant (feat. LG Petrov) [04:11] 
11. The Golden Dawn [03:57] 

Running time: 44:49 

opinioni autore

 
"Okkult II": un discreto album per gli Atrocity, nonostante i fin troppo pesanti cori 'epici' 2018-07-05 17:11:15 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La carriera (più che) trentennale dei tedeschi Atrocity è costellata di continui cambi, di ricerche accurate del sound che rappresentasse la band in quel dato momento... Ma è un dato di fatto, almeno per me, che il meglio Alexander Krull e soci lo han sempre dato quando si son dati all'Extreme Metal. Mi riferisco dunque ai primissimi lavori della band teutonica, che ha recentemente mollato definitivamente ogni velleità Symphonic/Gothic per tornare ad un più consono Death Metal, in cui non mancano comunque strizzate d'occhio al Symphonic.

Ad un comparto musicale massiccio e, potremmo dire, muscolare, fanno da contraltare i numerosi momenti orchestrali e gli epici cori che cercano di dare pathos alle composizioni del quartetto tedesco. In verità ci riescono anche, ma il problema è che dopo un po' cominciano ad essere anche un filo fastidiose, come accade in "Masters of Darkness" e "Bloodshed and Triumph". Una cosa che quindi risultava essere un buon 'bonus' nell'EP da noi precedentemente recensito ("Masters of Darkness", i cui quattro pezzi sono qui riproposti per intero), sulla lunga distanza di questo "Okkult II" diventa insomma un'arma a doppio taglio: gli Atrocity dimostrano sì di sapere decisamente il fatto loro, ma forse esagerando un pochino. Non è un caso che il meglio che ascoltiamo in "Okkult II" lo abbiamo con il furente Melodic Thrash/Death di "Spell of Blood" (nemmeno mezzo coro manco a pagarlo) e "Devil's Covenant", brano (e singolo) in cui compare come ospite LG Petrov (Entombed/Entombed AD). Dell'altra buonissima "Menschenschlachthaus" ne abbiamo già parlato nella recensione dell'EP (riassumendo: gran bel pezzo, ma quei cori, pur su di UNA sola parola, smosciano il tutto.. un peccato perché il pezzo è una bordata micidiale).

"Okkult II" è la naturale continuazione di "Okkult" (e lo dimostra anche la scelta del titolo); un percorso che ha portato gli Atrocity ad estremizzare di nuovo la loro proposta, pur mantenendo coordinate che mantengano vivi i momenti Symphonic/Gothic della loro carriera. Che sono però i punti deboli del sound degli Atrocity: quando spingono sull'acceleratore o comunque si lasciano andare ad un puro e semplice Melodic Death (o Melodic Thrash/Death, meglio) dimostrano ancora di poter avere pochi rivali nel campo. Ma ascoltare l'intro e il refrain di "Gates of Oblivion", ad esempio, fa letteralmente cascare le palle.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aprendo il portale tra la vita e la morte...inchinatevi ai Winternius
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla