A+ A A-
 

JOYLESS JOKERS: LA POTENZA DEATH DEI GIULLARI VICENTINI JOYLESS JOKERS: LA POTENZA DEATH DEI GIULLARI VICENTINI Hot

JOYLESS JOKERS: LA POTENZA DEATH DEI GIULLARI VICENTINI

recensioni

titolo
"Taste Of Victory"
etichetta
autoprodotto
Anno

Line Up:

 

Thomas “Tom” Girardello :basso e voce
Rudy “Ruds” Girardello : chitarra
Jader “Mister J” Girardello: tastiere
Michele “ Brunez” Brunetti: chitarra
Matteo “Giove” Ioverno: batteria

 

Tracklist:

 

1 Rain

2 Murder In Me

3 Scream

4 Point Of No return

5 Whispers To Shadows

6 Hopeless

7 I'll Watch You Die

8 Taste Of Victory

 

 

opinioni autore

 
JOYLESS JOKERS: LA POTENZA DEATH DEI GIULLARI VICENTINI 2013-01-08 17:24:10 Michele Alluigi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    08 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 08 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Decisamente potente ed innovativa la proposta dei vicentini Joyless Jokers. In questo disco è contenuta infatti una pura scarica di adrenalina death metal che si concilia perfettamente col gusto del nuovo portato dalle tastiere industrial e visionarie.
E' il groove l'arma vincente del loro sound: i brani si modellano su dei riff di chitarra davvero avvincenti ed originali, accompagnati da un solidissimo muro ritmico fatto da un basso pieno e ben amalgamato e da un drumming elaborato e tirato, mentre per la voce non si può non notare la somiglianza col barbuto Max Cavalera; si avverte anche l'eco di bands metal più moderne come Machine Head e Meshuggah, che ben armonizza la potenza delle ritmiche con le melodie più aperte ed ariose delle tastiere.
Il disco inoltre gode davvero di un'ottima produzione: suoni ben calibrati e curati nel minimo dettaglio, accordature ribassate in modo tale da ottenere ancora più impatto e sviluppare una vera e propria onda d'urto nel momento in cui si schiaccia il play.
I Joyless Jokers sono senz'altro una band composta da musicisti tecnicamente validi e creativamente fervidi, il loro songwriting infatti è ricco, variegato e per certi aspetti imprevedibile, i pezzi rendono questo disco una vera e propria discesa giù da una montagna ripidissima, dove i cambi di tempo sono le sterzate improvvise, le canzoni inoltre sono brevi e dirette, pur concedendosi qualche apertura più riflessiva e sperimentale.
Una band vivamente consigliata, da ascoltare e supportare.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

L'Aor degli Atlas continua a non convincere del tutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come back con il botto per gli Heathen!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al quinto album gli islandesi Dynfari maturano ulteriormente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wail, heavy metal dalla Norvegia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Frehley: il jukebox dell'uomo spaziale (volume due)
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla