A+ A A-
 

Megachurch: troppo caotici Megachurch: troppo caotici Hot

Megachurch: troppo caotici

recensioni

titolo
“Judgment day”
etichetta
Stressed Sumo Records
Anno

 

TRACK LIST

1. Resurrection

2. Teabaggers

3. Receive it

4. Battle hymn of the republican

5. Speak in tongues

6. My father’s dignity

7. We are all witnesses

8. Judgment day

9. The second coming

10. The gay agenda

11. Exorcism

 

LINE UP

Mikey Baranick (bass)

Brian Michael Hill (bass)

Dan Price (drums)

opinioni autore

 
Megachurch: troppo caotici 2013-01-12 19:03:55 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    12 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il termine “Megachurch” va ad indicare le chiese protestanti di grandi dimensioni, con un minimo di 2000 membri, per lo più evangeliche, molto popolari negli Stati Uniti ed i Megachurch provengono proprio dagli U.S.A., dall’Ohio per essere precisi. Questo “Judgment day” (con una copertina orrenda!) è il loro secondo album ed è arrivato a nostra disposizione solamente pochi giorni fa, nonostante risalga a metà 2011; proprio in questo periodo infatti, la Stressed Sumo Records lo sta promuovendo, dato che ne pubblicherà una ristampa nel mese di febbraio, con tre bonus tracks (che credo siano le ultime tre della track-list). Il genere suonato dai Megachurch è molto particolare, forse per il fatto che ci sono ben due bassisti in formazione ed, a quanto pare, nessun chitarrista; non ho informazioni nemmeno su chi sia il cantante. Ma torniamo allo stile della band americana che è un heavy/thrash dai forti influssi punkeggianti, decisamente strano ed alienante ma che almeno ha il non comune pregio di essere originale. Purtroppo, se appunto non difetta in originalità, ciò che ho trovato carente è l’orecchiabilità; il sound dei Megachurch è infatti estremamente caotico e confusionario ed, a volte, si fatica persino a trovare un filo conduttore all’interno dei singoli brani. Forse questo è l’intento della band, creare un caos sonoro particolare e di non facile assimilazione, per non essere accostati ad altri e rendere il proprio messaggio musicale non comune. Se dovessi limitare il mio giudizio solo a questo, sicuramente il voto sarebbe positivo; resta il fatto che ci sono anche altri parametri, come la fruibilità del prodotto, lo stile del cantato (se tale si può definire, dato che quasi sempre sono registrazioni di semplici discorsi) e, sotto questi punti di vista, si può, anzi “si deve” migliorare alquanto. Confesso di aver faticato ad arrivare fino in fondo all’ascolto di questo “Judgment day”, nonostante il ritmo imposto dalla batteria del buon Dan Price sia indubbiamente frizzante e veloce e la tecnica dei due bassisti sia notevole. Non mi sento, quindi, almeno questa volta di promuovere questi tre ragazzi americani, anche se le doti per un miglioramento non mancano; probabilmente con un cantante vero e proprio sarebbe già meglio.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla