A+ A A-
 

Il buon debut album dei Neophobia Il buon debut album dei Neophobia Hot

Il buon debut album dei Neophobia

recensioni

gruppo
titolo
"Monstermind"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1. Into the void

2. Blood symphony

3. A lifetime illusion

4. Powerlust

5. The trickster

6. Light of the lies

7. Inner nemesis

8. Quest for the unknown

9. My eternal rest

 

 

LINE-UP:

Carmen Grandi - voice

Nicola Manfrini - guitar / growl voice

Dennis Benazzi – guitar

Nicola Donegà - fretless bass

Matteo De Santis – drums

 

Batteria e tastiere sono state registrate rispettivamente da Alessandro Occari e Denis Mazzini.

opinioni autore

 
Il buon debut album dei Neophobia 2018-08-15 17:45:29 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    15 Agosto, 2018
Ultimo aggiornamento: 15 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Neophobia sono una band di Ferrara, fondata nel 2013, da non confondere con gli omonimi thrashers australiani, attivi negli anni ’90. A marzo 2018, il gruppo rilascia il proprio debut album autoprodotto, intitolato “Monstermind”, composto da 8 canzoni, cui si aggiunge la solita inutilissima intro (ma perchè tutti seguite questa moda??), per un totale di poco più di 40 minuti. Il sound della band ci è stato presentato come “symphonic metal”, anche se di orchestrazioni, per essere onesti, non ne ho ascoltate molte, complice anche il fatto che non c’è un tastierista fisso nella line-up, ma solo un ospite... forse sarebbe stato più corretto etichettare il sound come “female fronted melodic metal”, dato che a cantare è la giovane e valida Carmen Grandi, che non è la solita singer dall’impostazione lirica (in alcuni passaggi, ricorda la grande Giada "Jade" Etro dei Frozen Crown), ma che sa anche interpretare in maniera abbastanza espressiva le varie parti a lei riservate. Accanto alla voce femminile, c’è il growling cavernoso ed esagerato del chitarrista Nicola Manfrini che, sinceramente, mi ha stancato dopo pochi secondi; d’accordo nel voler incattivire un po’ il sound per non renderlo troppo stucchevole, ma ritengo che il suo stile sia fin troppo estremo, arrivando anche a rovinare la musica della band (basta ascoltare “Powerlust”, per rendersene conto). Ho ascoltato varie volte questo disco, devo dire anche abbastanza gradevolmente; non ho avuto però alcun sussulto, a causa forse della mancanza di una hit trascinante che possa sollevare le sorti del lavoro e renderlo superiore alla media dei tanti prodotti simili che, soprattutto qui in Italia, stanno venendo fuori di recente. La scarsa originalità, infatti, è un problema che assilla questo particolare settore, in cui per emergere è necessaria una forte dose di personalità. Probabilmente, in questo caso, non aiuta nemmeno la produzione, decente per essere auto-finanziata, ma ci si rende subito conto che, con un budget superiore a disposizione, si sarebbe potuto far meglio (specie per piatti e batteria). Sia chiaro però che “Monstermind” non è assolutamente male, piacevole anche dopo ripetuti ascolti, pur senza far gridare al miracolo. Credo che gli appassionati del metal melodico con voce femminile potranno apprezzare la musica dei Neophobia, a cui auguro ogni fortuna per il futuro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Bellissimo album di prog rock/metal questo nuovo lavoro de La Bottega del Tempo a Vapore.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Poche vibrazioni con il quinto album solista di Stephen Pearcy
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nonostante gli anni che passano i Ten rimangono al top della scena melodic hard rock
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con questo settimo album i Cripple Bastards realizzano probabilmente il loro capolavoro
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un bel biglietto da visita per i Valkyria con il loro power/heavy metal melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sorprendentemente ottimo per i danesi Sinnrs
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gathering Darkness celebrano i vent'anni di carriera con "The Inexorable End"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente influenzato dalla corrente "core" il Progressive Death dei Technical Damage
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un breve (ma comunque interessante) EP i canadesi Dethgod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla terra del Death tecnico arriva una nuova interessante scoperta: i Samskaras
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non entusiasmante il debut dei Serpents Kiss
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla