A+ A A-
 

Mad Max trentacinque anni di carriera ricchi di passione Mad Max trentacinque anni di carriera ricchi di passione Hot

Mad Max trentacinque anni di carriera ricchi di passione

recensioni

gruppo
titolo
35
etichetta
Steamhammer/SPV
Anno

LINE-UP:

Michael Voss – lead vocals, lead guitars

Jürgen Breforth – rhythm guitars

Thomas “Hutch” Bauer – bass, vocals

Axel Kruse – drums

 

TRACKLISTING:

1. The Hutch 01:07 (Intro)

2. Running To Paradise 4:25

3. Beat Of The Heart 3:30

4. D.A.M.N. 4:45

5. Snowdance 4:13

6. Thirty 5 4:02

7. Already Gone 3:44

8. False Freedom 4:50

9. Goodbye To You 4:18

10. Rocky Road 6:32

11. Paris Is Burning 04:08 (bonus track)

 

opinioni autore

 
Mad Max trentacinque anni di carriera ricchi di passione 2018-08-16 10:15:27 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    16 Agosto, 2018
Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I tedeschi Mad Max non sono certo dei novellini anzi, arrivano a superare i 35 anni di carriera contrassegnati da passione e dedizione, senza mai scendere a compromessi, ma anche senza mai raggiungere il successo.

E così nasce questo nuovo disco dove il titolo va ad omaggiare le 35 primavere che dal 1982, anno di fondazione del gruppo, portano fino ai giorni nostri. La band ci porta su territori prettamente hard rock, ricordando la scena tedesca di Bonfire e Fair Warning, ma anche Dokken e Gotthard e piazza alcuni brani composti con maestria che risultano davvero piacevoli, come “Running To Paradise”, bel pezzo veloce che apre il disco, la melodica “Already Gone” e la potente “D.A.M.N.”, caratterizzata da riffoni e da un ritornello iper catchy. La tracklist rimane piuttosto costante dall'inizio alla fine, mantenendosi su un discreto livello, senza mai presentare però picchi importanti. Ed è proprio la mancanza di qualche vera hits a pesare un pochino sul risultato finale; i Mad Max suonano bene, il singer Michael Voss possiede il classico timbro che si adatta alla perfezione a questo sound e i brani non sono affatto male, ma anche stavolta non è abbastanza per dar vita ad un album indimenticabile.

Neanche questo “35” aiuterà i Mad Max a comparire sulle copertine delle riviste specializzate. Un altro onesto lavoro per la band tedesca che potrà continuare per la propria strada senza compromessi per ancora molti anni.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per i Ribspreader, uno degli innumerevoli gruppi di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blind Cross, heavy canonico a cui manca un pò di verve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellscream un disco solido di chiara scuola USA
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla