A+ A A-
 

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza Hot

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza

recensioni

titolo
"Apparitions"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Opening the tomb

2.      Apparitions

3.      The seer

4.      Sons of thunder

5.      The fallen

6.      Starfighter MMCXVI

7.      Traitorous apprentice of the D

8.      Peace and vengeance

9.      Walls and borders

10.  Through the Dardanelles

11.  Manu Forti (Bonus track)

 

 

LINE UP:

Sean Mackay: Guitars, Bass, Vocals, Keys, Programming

opinioni autore

 
Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza 2018-08-19 09:56:07 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    19 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

On My Command è la creazione del polistrumentista australiano Sean Mackay che si autoproduce il proprio debut album, intitolato “Apparition”, con splendida copertina realizzata niente meno che dal mitico Andreas Marschall (10 minuti di vergogna per chi non conosce questo artista!). Il sound del progetto di Mackay è un heavy/thrash piacevole da ascoltare, pur se non particolarmente originale. Il disco è composto da 9 pezzi tutto sommato gradevoli, cui si aggiunge la solita inutile intro ed una bonus track abbastanza avulsa dal contesto (quasi Sabbathiana nel suo incedere e nel suo flavour vintage) che immagino debba essere una cover di chissà quale sconosciuto artista, ma su cui non ci sono informazioni di alcun genere. L’album è anche ben suonato, quanto meno a livello chitarristico; purtroppo la registrazione abbastanza scadente, non mi ha permesso di assaporare decentemente quanto fatto dal basso; pare inoltre che ci siano anche delle tastiere che molto probabilmente non devo aver notato nei miei vari ascolti. Lo strumento più penalizzato è però la batteria, probabilmente non suonata direttamente da Mackay, ma realizzata in maniera poco azzeccata al pc, con un risultato che fa sembrare il rullante una specie di fustino del detersivo. Capisco che si tratta di un’autoproduzione e quindi bisogna fare di necessità virtù, ma aspettare di mettere da parte un po’ di soldini in più e realizzare un prodotto migliore (magari con un batterista vero in formazione...), sarebbe stato l’ideale per la buona riuscita e per esaltare le qualità di questo “Apparition”. Aspetto Sean Mackay ed il suo progetto On My Command alla prossima prova, sperando che ci sia una vera band attorno a lui e che si possa ascoltare qualcosa prodotto in maniera migliore.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla