A+ A A-
 

Dungeon Wolf: uno dei dischi più inascoltabili che mi sia capitato di ascoltare in tutta la mia vita Dungeon Wolf: uno dei dischi più inascoltabili che mi sia capitato di ascoltare in tutta la mia vita Hot

Dungeon Wolf: uno dei dischi più inascoltabili che mi sia capitato di ascoltare in tutta la mia vita

recensioni

titolo
Slavery Or Steel
etichetta
Iron Shield Records
Anno

Tracklist:

1. Hidden Dreams

2. Last Alive

3. Slavery or Steel

4. Borderlands

5. While the Gods Laugh

6. Dark Child

7. Worker Metal Might

8. Lord of Endless Night

Total Playing Time: 41:23 min

 

LINE-UP:

Deryck Heignum – vocals, guitar

Stan Martell – bass

Austin Lane – drums

 

 

opinioni autore

 
Dungeon Wolf: uno dei dischi più inascoltabili che mi sia capitato di ascoltare in tutta la mia vita 2018-08-20 00:17:08 Federico Orano
voto 
 
1.5
Opinione inserita da Federico Orano    20 Agosto, 2018
Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Personalmente darei il massimo dei voti ai Dungeon Wolf solo per l'artwork di questo disco. Peccato che il lavoro in questione sia uno dei più inascoltabili che mi sia capitato in tutta la mia vita; questo “Slavery Or Steel” è composto e cantato male, ha una produzione indecente e dopo pochi secondi la voglia di spingere il tasto STOP è tanta.

Nonostante l'album sia composto da solamente otto pezzi, per un totale di quaranta minuti di musica, arrivare fino alla fine è impresa ardua. La band che arriva da Cleveland, Ohio punta su un mix di heavy becero e thrash underground con un tocco epico. Impossibile citare una singola canzone qui, non si salva nulla. Ascoltate l'opener solo per farvi un'idea su come non abbia senso tutto questo e sarete testimoni di come Deryck Heignum si destreggia al microfono nella parte finale del brano: da mani nei capelli.

Vabbè inutile scrivere le solite frasi di rito tipo “I Dungeon Wolf sono giovani e possono migliorare”, “E' solo il debutto, speriamo aggiustino il tiro” etc... qui siamo nella situazione che voglio conoscere quel pazzo che acquisterà questo cd!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per i Ribspreader, uno degli innumerevoli gruppi di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blind Cross, heavy canonico a cui manca un pò di verve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellscream un disco solido di chiara scuola USA
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla