A+ A A-
 

I Gourmand ed un album al tempo stesso tecnico e duro I Gourmand ed un album al tempo stesso tecnico e duro Hot

I Gourmand ed un album al tempo stesso tecnico e duro

recensioni

gruppo
titolo
Blossoming from the Grave
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Progressive Death Metal 

FFO: Death, Opeth, Fleshgod Apocalypse, Morbid Angel 

LINE UP: 
Luke Adams, vocals, cello 
Scott Prewitt - guitars 
Danny Loomis - guitars, backing vocals 
Ben Harvey - bass, keyboards, backing vocals 
Trevor Hall - drums 

TRACKLIST: 
1. Blossoming from the Grave [05:30] 
2. A Massage in Wax [04:32] 
3. Between Vessel and Body [05:59] 
4. Metamorphosis [02:45] 
5. Redemption [02:43] 
6. Siren's Song [03:39] 
7. Perpetual Sickness [05:56] 
8. The price of Consciousness [04:09] 
9. Empathy Gap [04:03] 
10. The First of my Name [05:39] 

Running time: 44:55 

opinioni autore

 
I Gourmand ed un album al tempo stesso tecnico e duro 2018-08-27 16:00:03 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    27 Agosto, 2018
Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo album per gli americani Gourmand, band proveniente da Kansas City formatasi nel 2016 e, inspiegabilmente, ancora senza contratto. "Blossoming from the Grave", questo il titolo della seconda fatica della band statunitense, è infatti uscito autoprodotto, come il debutto datato 2017 "The Inquisitionist". E' un Progressive Death altamente tecnico, ma altrettanto duro quello proposto dal quintetto del Kansas, con influenze che spaziano in primis tra Death ed Opeth, passando anche ai fraseggi neoclassici alla Fleshgod Apocalypse e la durezza dei Morbid Angel.

Sono una band, i Gourmand, che sa cosa prendere d'influenza e come inserirlo nel proprio contesto. Basti pensare alle improvvise aperture acustiche che ricordano gli Opeth, come possiamo ascoltare nella title-track che apre il disco, o le parti solistiche che molto devono ai nostri Fleshgod. O come dimenticare passaggi duri come granito (Morbid Angel) e fraseggi progressivi schizzati (Death), andando anche a toccare vene puramente Progressive, come nella parte finale di "A Message in Wax" in cui i Gourmand sembrano i Dream Theater sotto steroidi. E' un album che, alla fine, non lascia indifferenti "Blossoming...": dal disco di una band Progressive Death ci si aspetta sempre qualcosa che mostri soprattutto le doti tecniche del combo coinvolto, i Gourmand invece preferiscono si far vedere che gli strumenti in mano li sanno decisamente tenere, ma soprattutto mostrano i muscoli, dando alle loro composizioni un impatto maggiormente vicino al classico US Death, andando anche a toccare vene malinconiche come nell'opethiana "Between Vessel and Body" o la bellissima "Redemption".

"Blossoming from the Grave" non sarà un disco che farà gridare il miracolo, d'accordo, ma è innegabile che presenti un gran numero di spunti interessanti. Al netto di una produzione sì buona, ma in cui appare un po' sacrificato il rullante, mi sento di promuovere senza remore l'operato dei Gourmand, una band che, se vi piacciono i gruppi sopra indicati, potrà certamente meritare la vostra attenzione.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Rhapsody Of Fire tornano a fare sul serio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il progetto Avantasia si conferma come assoluto fuoriclasse
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Steel Shock suonano un piacevole epic metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla