A+ A A-
 

Questo debutto dei Solituary Ritual è un’autentica tortura per le orecchie. Questo debutto dei Solituary Ritual è un’autentica tortura per le orecchie. Hot

Questo debutto dei Solituary Ritual è un’autentica tortura per le orecchie.

recensioni

titolo
Solitary Ritual
etichetta
autoprodotto
Anno

Line up:

Giorgios Triantafyllou - all vocals and instruments

 

Tracklist:

  1. A Warning
  2. Enigma
  3. The State of Things
  4. Pack-In-The-Box
  5. Uncertainly So
  6. The Perfect Stranger

opinioni autore

 
Questo debutto dei Solituary Ritual è un’autentica tortura per le orecchie. 2018-08-29 15:45:15 Virgilio
voto 
 
0.5
Opinione inserita da Virgilio    29 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sappiamo che al giorno d’oggi non è poi così complicato realizzare un disco, magari anche con un pc a casa propria: ciò non significa però naturalmente che chiunque diventi di colpo un compositore o un musicista. Diciamo anche che, in linea di massima, il materiale che ci arriva e per cui ci viene richiesta una recensione di solito è mediamente di buon livello e anche noi ci sforziamo di trovare quanto possa esserci di buono, specialmente se ci troviamo di fronte ad un disco autoprodotto. Purtroppo non è sempre così e questo platter dei Solituary Ritual ne è un esempio lampante. Si tratta di una one-man band, dietro il cui moniker si cela il greco Giorgios Triantafyllou, il quale inspiegabilmente ha deciso non solo di realizzare tale obbrobrio, ma anche di pubblicarlo e persino di incaricare un’agenzia per promuoverlo. Il suddetto Giorgios, utilizza una serie di suoni campionati, sui quali inserisce la sua voce: il problema principale è che non solo non sa cantare, ma è proprio stonato come una campana. Inoltre, la parte musicale è assestata alla meno peggio, con tracce perlopiù lunghissime, caratterizzate da riff ripetuti all’inverosimile e assoli strampalati, che spesso vanno pure fuori tempo. Non va meglio infatti neppure quando l’”autore” ci risparmia la sua vociaccia (che peraltro ha anche una pessima pronuncia dell’inglese), come nell’interminabile “Uncertainly So”, un brano che non offre granchè al di fuori della noia e con i soliti problemi strutturali che abbiamo già evidenziato. Semmai, è appena ascoltabile “Pack-In-The-Box”, dove Giorgios azzarda dei coretti e riesce persino ad azzeccare qualche tonalità. Vogliamo dunque essere indulgenti e definire questo debutto come un disco sperimentale o chissà cosa? No, dobbiamo purtroppo essere realisti e dire le cose come stanno, ovvero che è una totale tortura per le orecchie e vi consigliamo caldamente di starne totalmente alla larga. Noi purtroppo non ci siamo potuti esimere, voi salvatevi finchè siete in tempo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

La nostra miglior risposta al Melodic Death scandinavo: i romani Black Therapy
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Mess - thrash grezzo e becero
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'unione di Frank Bello e David Ellefson nasce l'hard rock degli Altitudes & Attitude
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ascheregen rimboccarsi le maniche al più presto!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Starquake un prog rock dove non tutto gira come voluto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal Church: metallo totale!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo lavoro dei tedeschi Invictus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto cazzuto per i veneti Kamion
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei Throne of Flesh con un EP devoto alla vecchia scuola Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Edgar Allan Poe nel debut dei Red Masquerade
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
LAND OF DAMNATION: PIACEVOLMENTE SORPRENDENTI!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mancanza di originalità dei Battlesword penalizza il loro album.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla