A+ A A-
 

Una nuova band per i fans dei vari Entombed, Dismember e Grave: i danesi Bæst Una nuova band per i fans dei vari Entombed, Dismember e Grave: i danesi Bæst

Una nuova band per i fans dei vari Entombed, Dismember e Grave: i danesi Bæst

recensioni

gruppo
titolo
Danse Macabre
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: Danimarca 

GENERE: Death Metal 

FFO: Bloodbath, Grave, Entombed, Dismember 

LINE UP: 
Simon Olsen - vocals 
Svend Karlsson - guitars 
Lasse Revsbech - guitars 
Mattias Melchiorsen - bass 
Sebastian Abildsten - drums 

TRACKLIST: 
1. Crosswhore [03:56] 
2. Hecatomb [04:43] 
3. Danse Macabre [06:08] 
4. Atra Mors [03:21] 
5. Messe Macabre [03:15] 
6. Ritual [01:52] 
7. Vortex [03:57] 
8. Ego te Absolvo [06:26] 

Running time: 33:38 

opinioni autore

 
Una nuova band per i fans dei vari Entombed, Dismember e Grave: i danesi Bæst 2018-09-10 18:18:33 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    10 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono bastati un demo ed un EP ai danesi Bæst per entrare nelle grazie niente meno che di Century Media Records: è la divisione metal di Sony Music infatti a produrre il debut album del quintetto di Aarhus. Anche se devo ammettere che me lo spiego solo con il fatto che i Bæst sono arrivati semplicemente al momento giusto. Quello che possiamo ascoltare in "Danse Macabre", infatti, non è nulla di diverso di quanto abbiamo potuto ascoltare in passato da gruppi come Entombed (ed Entombed A.D.), Dismember o Grave, con accenni più brutali à la Bloodbath: Death svedese della vecchia scuola, né più e né meno, genere che, come abbiamo ripetuto già svariate volte su queste pagine, è recentemente tornato in auge.

Possiamo dunque dire per i Bæst le stesse parole che sono state spese per altri che hanno lo stesso tipo di sonorità dei nostri: il lavoro è ben eseguito ed è coadiuvato da un'ottima produzione - e ci mancherebbe altro, i riff rocciosi e la granitica sezione ritmica sono un tappeto perfetto per le profonde growlin' vocals di Simon Olsen; nessuno dei brani presenta punti deboli e l'ascolto di "Danse Macabre" procede spedito e senza intoppi, senza un attimo di stanca o di noia; eppure, nonostante tutto, nonostante bordate come la title-track o "Hecatomb" o l'altrettanto buonissima "Vortex", non mi sento di darei ai Bæst non più della sufficienza. Il motivo è presto detto ed è dei più semplici: ci sono fin troppi gruppi ormai che suonano fondamentalmente la stessa cosa. Lo stile differisce solo in dettagli infinitesimali e si comincia a soffrire di una certa saturazione, a mio avviso. Vale per cui la pena far proprio "Danse Macabre"? Se siete amanti del classico Stockholm Sound, ne vale la pena eccome! Quello dei Bæst è un buon lavoro che sicuramente piacerà ai fans di questo determinato stile; non aspettatevi però un album da strapparsi i capelli, ma 'solo' un lavoro onesto che nulla toglie e nulla aggiunge al genere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I russi Adfail ed un EP ai confini della noia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo, bellicoso lavoro per i 28 anni di Marduk
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano finalmente al debutto i deathsters ucraini Mutanter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Treat: i maestri del melodic hard rock scandinavo sono tornati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gioite, i Grounbreaker sono arrivati!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rithiya Henry Khiev, tecnica ed originalità, ma non solo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vetrarnott, un esordio assolutamente convincente!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla