A+ A A-
 

Se solo i SoulHealer avessero un cantante differente Se solo i SoulHealer avessero un cantante differente Hot

Se solo i SoulHealer avessero un cantante differente

recensioni

titolo
“Up from the ashes”
etichetta
Rockshots Records
Anno

 

TRACKLIST:

1. Up from the ashes

2. Through fire and ice

3. Fly away

4. Sins of my father

5. Prepare for war

6. Pitch black

7. The final judgement

8. Behind closed doors

9. Am I in hell

10. Land of the free

 

 

LINE-UP:

Jori Kärki, Vocals

Lari Lämpsä, Bass

Timo Immonen, Drums

JiiPee Haikola, Guitar

Teemu Kuosmanen, Guitar

opinioni autore

 
Se solo i SoulHealer avessero un cantante differente 2018-09-13 07:56:47 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi chiedo per quale motivo nelle note accompagnatorie di un disco si debba per forza mettere dei paragoni e soprattutto perchè andare sempre a scomodare gli Iron Maiden? Per il quarto disco dei finlandesi SoulHealer, intitolato “Up from the ashes”, ho potuto trovare paragoni con Iron Maiden, Sabaton, Hammerfall, Powerwolf e Blind Guardian. Cosa c’entrino gli Irons, ma anche Sabaton e Blind Guardian con il sound dei SoulHealer, sinceramente mi sfugge. Passi per Hammerfall e Powerwolf (soprattutto questi ultimi), oserei dire che il paragone più calzante non è stato fatto: quello con i Gamma Ray. Lo stile delle due chitarre di Teemu Kuosmanen e del nuovo entrato JiiPee Haikola, infatti, ricalca molto da vicino quello di Kai Hansen & Henjo Richter; così come l’abbondanza di coretti ruffiani, non può non far venire in mente la band tedesca. Fin qui tutto bene. Il tallone d’Achille della band finnica sta nella voce del singer Jori Kärki, abbastanza stridula quando cerca di arrivare su note troppo alte del pentagramma; va già meglio quando si limita su armonie più basse e più consone alle sue potenzialità, ma quando cerca di andare troppo in alto o si avventura in improponibili acuti (come alla fine del brano “Fly away”) rischia di diventare finanche fastidioso all’ascolto, rovinando quanto di buono fatto dagli altri musicisti. Un peccato, perchè con un cantante differente molto probabilmente la musica dei SoulHealer sarebbe anche più che piacevole. Certamente, qui non bisogna mettersi alla ricerca di originalità, dato che la band scandinava ripropone pedissequamente la lezione del power metal teutonico ma, se siete fans di queste sonorità, sicuramente rimarrete affascinati dalle musiche realizzate in questi 10 brani, tutti comunque ben strutturati e ben suonati. Sempre se riuscirete a sopportare il cantante....

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Minneriket, oltre al marciume.. verso il cestino!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Unseen Abyss, un disco non per tutti.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Veilburner, un capolavoro moderno a cavallo tra generi estremi.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Acheronte, un disco black metal da supportare!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mavorim, un lavoro che non riesce a colpire nel segno.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Demonik pagano la voglia di strafare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla