A+ A A-
 

"Head Cage", classico album in stile Pig Destroyer "Head Cage", classico album in stile Pig Destroyer

"Head Cage", classico album in stile Pig Destroyer

recensioni

titolo
Head Cage
etichetta
Relapse Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Grindcore 

SIMILAR ARTISTS: Agoraphobic Nosebleed, Napalm Death, Brutal Truth, Rotten Sound, Wormrot 

LINE UP: 
J.R. Hayes - vocals 
Scott Hull - guitars 
John Jarvis - bass 
Blake Harrison . synth, samples 
Adam Jarvis - drums 

TRACKLIST: 
1. Tunnel Under the Tracks [01:21] 
2. Dark Train [01:11] 
3. Army of Cops [03:18] 
4. Circle River [02:45] 
5. The Torture Fields [02:55] 
6. Terminal Itch [01:13] 
7. Concrete Beast [03:21] 
8. The Adventures of Jason and Jr [02:12] 
9. Mt. Skull [01:37] 
10. Trap Door Man [01:15] 
11. The Last Song [02:40] 
12. House of Snakes [07:07] 

Running time: 30:55 

opinioni autore

 
"Head Cage", classico album in stile Pig Destroyer 2018-09-14 14:41:19 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    14 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Pig Destroyer è uno di quei casi non comuni in cui un progetto parallelo riesce ad esser meglio di quella che può esser considerata la band madre; si formano infatti nel 1997 per mano di Scott Hull parallelamente agli Agoraphobic Nosebleed, da cui proverrà poi anche lo storico vocalist J.R. Hayes. A distanza di 20 anni, la premiata ditta Hull/Hayes è ancora qui e si presenta sul mercato con "Head Cage", sesto album per la Grindcore band di Washington D.C., prodotto dalla Relapse.

E in "Head Cage" qualche sottile novità la troviamo: i Pig Destroyer continuano sì per la loro strada fatta di un Grindcore dalle fortissime influenze Punk/Hardcore (negli anni i parallelismi con i Napalm Death si sono sprecati), ma scorrendo man mano la tracklist di "Head Cage" possiamo notare come i nostri abbiano in un certo qual modo rallentato - si fa per dire - il loro sound, puntando a colpire con però maggior precisione. Non c'è da temere però, visto che le sfuriate HC in pieno stile Pig Destroyer non mancano e pezzi come "The Torture Fields" - la cui parte finale è letteralmente spezzacollo -, "Terminal Itch" e "Mt. Skull" sono lì a ricordarcelo. Grazie ad una line up consolidata ormai da anni - l'ultima entrata è avvenuta poco dopo lo scorso disco, "Book Burner", con il bassista John Jarvis -, "Head Cage" è un album in cui si riflette l'affiatamento dei componenti, che si muovono per la mezz'ora di durata del disco come una sola macchina distruttrice.

I fans dei Pig Destroyer non rimarranno delusi: "Head Cage" è il classico album che ci si aspetterebbe da Scott Hull e soci; né più e né meno che una mezz'oretta di violenza Grind con la classica attitudine HC... ed a questa band non si chiede niente di meglio che fare ciò che meglio sanno fare.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I russi Adfail ed un EP ai confini della noia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo, bellicoso lavoro per i 28 anni di Marduk
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano finalmente al debutto i deathsters ucraini Mutanter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Treat: i maestri del melodic hard rock scandinavo sono tornati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gioite, i Grounbreaker sono arrivati!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rithiya Henry Khiev, tecnica ed originalità, ma non solo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vetrarnott, un esordio assolutamente convincente!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla