A+ A A-
 

I Penetrum ed un debutto privo di personalità I Penetrum ed un debutto privo di personalità Nuovo

I Penetrum ed un debutto privo di personalità

recensioni

gruppo
titolo
Instrument of Delusion
etichetta
Total Metal Records
Anno

PROVENIENZA: Ucraina 

GENERE: Melodic Death Metal 

FFO: Children of Bodom, Norther, Kalmah, Ensiferum 

LINE UP: 
Nikita Volkov - vocals, guitars 
Dmitrii Isupov - guitars 
Maksim Cherkas - bass 
Yurii Sulima - drums 

TRACKLIST: 
1. Winter Breath [05:31] 
2. Into the Blizzard [04:07] 
3. Blòazing Souls [04:26] 
4. Crimson Forest [05:15] 
5. Blood Tastes like Lead [06:42] 
6. Crash Syndrome [04:20] 
7. Amok [05:07] 
8. Eternal Winter (Northrend cover) [03:57] 
9. Caprice of Delusion [06:09] 

Running time: 45:34 

opinioni autore

 
I Penetrum ed un debutto privo di personalità 2018-09-15 15:24:17 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Settembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Formatisi nel 2013 da un manipolo d'amici con la passione comune per il Death Metal melodico di scuola finlandese, i Penetrum arrivano dopo 5 anni - anche abbastanza tribolati - alla pubblicazione di questo loro album d'esordio, "Instrument of Delusion", licenziato da Total Metal Records. Ciò che risalta subito è la componente che risulta essere sia croce che delizia per i Penetrum; i nostri infatti suonano con passione, inserendo nel proprio sound tutte le influenze che hanno portato alla nascita della band, soprattutto il MeloDeath finnico (Children of Bodom, Kalmah, Norther... vengono nominati anche gli Insomnium, ma per l'amor degli dei, loro proprio no), passando anche per il Folk/Viking ed una certa verve classica: non mancano infatti riff dal sapore quasi maideniano. Ma se da un lato può essere in un certo qual modo interessante tutto questo, dall'altro si mette in mostra la mancanza di personalità della giovane band est europea. E di personalità, qui, non ne abbiamo proprio purtroppo: delle idee tutto sommato buone ci sono, vedi "Blazing Souls" in cui appaiono anche cori epici à la Ensiferum, ma il tutto affoga nel 'tutto già sentito'. Non migliora la situazione una produzione sotto la sufficienza: sorvolando sui volumi delle chitarre che talvolta sembrano più bassi di quel che dovrebbero, i suoni di batteria sono letteralmente atroci.

Non si può negare che gli ucraini Penetrum abbiano passione per quel che fanno e per il genere da loro scelto, ma a volte la sola passione non basta. La band è ancora giovane e questo è un bene per loro, avendo netti margini di miglioramento. Devono però trovare un loro percorso, senza bisogno di risultare "la copia della copia di...". Per ora, Penetrum rimandati. Aspettiamo per il futuro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I giovani Atlas con un melodic rock ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Allfather tra Sludge/Doom e ferocia Hardcore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I russi Adfail ed un EP ai confini della noia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo, bellicoso lavoro per i 28 anni di Marduk
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano finalmente al debutto i deathsters ucraini Mutanter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Treat: i maestri del melodic hard rock scandinavo sono tornati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rithiya Henry Khiev, tecnica ed originalità, ma non solo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vetrarnott, un esordio assolutamente convincente!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla