A+ A A-
 

Geisterfels - La Névrose De La Pierre Geisterfels - La Névrose De La Pierre Hot

Geisterfels - La Névrose De La Pierre

recensioni

titolo
La Névrose De La Pierre
etichetta
Six Raw Records
Anno

1- Les Ruines du Castel

2- La Sentinelle du Rhin

3- Im Nebel 

4- Il Neige sur l'Eltz

5- Geisterfels

6- Der Tod und die Schwarze Gräfin

7- La Chapelle Recousue

8- Puis Vint la Chute

 

opinioni autore

 
Geisterfels - La Névrose De La Pierre 2018-09-16 14:52:03 Anthony Weird
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Anthony Weird    16 Settembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente demo né EP per i francesi Geisterfels, che con “La Névrose de la Pierre”, debuttano direttamente con un full length. Black Metal che molto deve all’old school e agli anni ’90, ma che risulta essere figlio del suo tempo già dalle prime note. Chitarra acida in primissimo piano, tanto da sovrastare voce e batteria, niente vortici infernali o melodie troppo ossessive, ma si dà particolare attenzione alla sezione ritmica, tanto da sconfinare spesso e volentieri in territori già dominati dal thrash metal. Strana, stranissima, per non dire errata, è la definizione che la band stessa dà al proprio lavoro, definendolo un Atmospheric Black Metal, ma sinceramente io di atmosferico non ho sentito quasi nulla: niente Atmospheric, niente Black-Gaze e neanche il più classico symphonic, se escludiamo qualche arpeggio dissonato e qualche altro tocco di originalità compositiva, come in “Im Nebel”. Considerevole è invece il lavoro delle asce, sempre sparate a duemila e con un basso onnipresente e molto “in your face”. “Il Neige sur l'Eltz” è invece un brano strumentale di quasi tre minuti che però poco ha di Black Metal e, a dirla tutta, ho trovato molto fastidioso: è come una corsa, non così veloce, a piedi nudi sui chiodi eretti, qualcosa che distoglie l’attenzione dai pezzi precedenti e ti concede sollievo solo durante il finale, con delle note di tastiera melodica. Davvero un brutto passo che a mio avviso, diminuisce la qualità dell’album. Importantissima, invece, è la traccia omonima della band “Geisterfels”, che apre con una vera raffica di furia Black Metal ed è la prima vera boccata d’aria marcia che respiro finalmente! Un vero marchio di fabbrica per i francesi, è “Der Tod und die Schwarze Gräfin”, dove si ha modo di apprezzare il riffing notevole ed oscuro che si inasprisce sul finale; vero Black Metal che riesce a mantenere i canoni del genere, ma allo stesso tempo riesce ad essere personale, caratteristico e per questo, riconoscibile.
Si tratta di un disco che nasconde sicuramente ricercatezza e qualità, ma che tuttavia non riesce a brillare. I brani si muovono lungo i confini del Black Metal e raramente prendono una direzione ben precisa, ma spaziano tra vari generi, tutti più o meno “blackizzati”, finendo per diventare una sorta di grande minestrone dove troviamo di tutto un po’, ma nulla che riesca a mantenere il proprio sapore autentico. Non per questo si tratta di un brutto disco, anzi forse ci troviamo di fronte a qualcosa che ha trovato la sua dimensione, la sua vera personalità e che, come tutti i caratteri difficili, deve solo essere compreso e “saputo prendere”. Consigliato a chi cerca un album Black Metal originale ma old school, puro ma con personalità, grezzo ma registrato bene, ovviamente con tutto ciò che la scelta comporta, nel bene e nel male.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla