A+ A A-
 

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One Hot

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One

recensioni

titolo
The Natural Selection - Естественный отбо
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Russia 

GENERE: Thrash/Death Metal 

FFO: Necrodeath, Schizo, Megadeth 

LINE UP: 

Alexander Shalaev - vocals, all instruments 

TRACKLIST: 
1. The Natural Selection - Естественный отбор [04:34] 
2. Ocean Painted Red [04:49] 
3. The Coma of the Soul [04:40] 

Running time: 14:03 

opinioni autore

 
Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One 2018-09-16 20:58:02 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Insidious One è una one man band proveniente da Mosca che dal momento della propria nascita (nel 2015) si è dimostrata abbastanza prolifica, avendo tirato fuori, a partire dall'EP di esordio "Ваш мир для меня бесконечно пуст" del 2015 proprio, ben tre singoli nel 2016 poi il primo album "Хочу, чтобы все умерли". "The Natural Selection" (titolo in lingua originale "Естественный отбор") è l'ennesimo singolo per Alexander Shalaev e fa da apripista ad un nuovo EP attualmente in lavorazione e la cui uscita è prevista per questo autunno.

A quanto m'è parso di capire dalle info che accompagnano il promo in mio possesso, questo singolo presenta alcune novità rispetto al passato (comunque recente) del progetto russo: in primis la presenza di elementi Industrial che vanno ad integrarsi al rapido e ferale Thrash/Death che è alla base del sound di Insidious One. Un sound che, a dirla tutta, può facilmente essere paragonabile a quello dei nostri Necrodeath e Schizo, seppur nelle parti solistiche si noti come anche il buon vecchio Padre Mustaine abbia influenzato l'artista russo. L'altra novità è rappresentata dai due pezzi che completano il singolo: presi entrambi dall'album del 2017 sono stati riregistrati in lingua inglese: e non credo di sbagliarmi nel dire che è la prima volta che Shalaev canta nella lingua della Terra d'Albione. I pezzi, come detto, puntano soprattutto sulla velocità d'esecuzione e da questo punto di vista non credo ci sia nulla da obiettare: le tre canzoni qui presenti sono in effetti estremamente rapide e taglienti. Ci sono però due punti deboli su cui magari c'è da lavorare: la produzione non proprio ottimale, con suoni non perfettamente bilanciati, e questa novità degli elementi Industrial che, sinceramente, trovo stonino non poco con il mood portante della proposta di Insidious One. Consiglio mio: lasciar perdere quest'ultima cosa.

C'è ben poco d'altro da aggiungere. L'acquisto di questo singolo, sinceramente, lo sconsiglio, ma non per andare contro ad Insidious One: è proprio il concetto di singolo che sconsiglio sempre e a priori. Un ascolto però per lo meno lo vale? Diciamo di sì, giusto se si è curiosi. Non un progetto imprescindibile e che difficilmente passerà alla storia, ma che riesce comunque ad accendere quel poco di curiosità che ti porta ad aspettare l'uscita di questo nuovo EP. Incrociando le dita sia meglio di questa uscita.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Myrd, dalla Danimarca arriva una nuova ondata di terrore in musica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bergrizen, il nuovo 12"LP per il live al Holy Death Over Kyiv V Festival.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hornwood Fell, l'Italia estrema che va supportata!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calvaire, buone idee ma la strada é ancora lunga.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadow's Mortuary, la scena finnica cerca nuove soluzioni!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si festeggiano i 20 anni di "Legacy of Kings" degli Hammerfall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla