A+ A A-
 

Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory Hot

Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory

recensioni

titolo
“Down the white waters”
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Down the white waters

2.      Flames on the horizon

3.      Ash to ash

4.      Sea of stones

5.      Springar

6.      Seven winters long (The lay of Wayland)

7.      In chains  (The lay of Wayland)

8.      The Queen’s lament  (The lay of Wayland)

9.      Chambers of stone  (The lay of Wayland)

10.  Outro

 

 

LINE-UP:

Skaldir – Vocals, guitar, bass, keyboards

opinioni autore

 
Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory 2018-09-23 09:22:10 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    23 Settembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Epic Skaldic Metal”, cosa diavolo significherà questa definizione? Lo ammetto, è stato per questo motivo che mi sono messo a recensire questo debut album dei tedeschi Ash of Ashes, intitolato “Down the white waters”. Dietro il monicker, dal design silvano, vi è il polistrumentista Skaldir (al secolo Markus Skroch), noto per aver militato in una miriade di bands, fra cui spiccano gli Hel. Ma allora cosa significa “Epic Skaldic Metal”? Niente a che vedere con l’epic metal tipico di Manowar et similia, purtroppo per me! Effettivamente mi ero illuso di trovare un epic metal in salsa teutonica, magari miscelato a qualcosa di folk alla Saltatio Mortis, ma mi sbagliavo... eccome se mi sbagliavo! Avete presente i Bathory di fine anni ‘80/primi ’90, in dischi come “Twilight of the Gods” o “Hammerheart”? Aggiungeteci un bel po’ di viking, qualcosa di black ed un pizzico di doom ed avrete il sound degli Ash of Ashes ed il significato di questa definizione tanto astrusa. Il sound di questo progetto è quindi qualcosa di particolare, non adatto a tutti i padiglioni auricolari. Per mia fortuna, Skaldir alterna al growling più marcio tipico del black metal, qualche clean vocals, dimostrando di sapersela cavare degnamente anche con questo stile canoro più “canonico”, se mi passate il termine. Ma il polistrumentista tedesco dimostra di saperci fare anche nel songwriting, dato che i brani non sono mai eccessivamente prolissi, ma anzi abbastanza efficaci. Certo, per ascoltare determinate sonorità bisogna essere appassionati di viking ed affini, di certo non di epic metal come il sottoscritto, ma alla fin fine bisogna comunque riconoscere che “Down the white waters” è un buon debutto per il progetto Ash of Ashes.... magari la prossima volta sarebbe meglio evitare definizioni così astruse.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Myrd, dalla Danimarca arriva una nuova ondata di terrore in musica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bergrizen, il nuovo 12"LP per il live al Holy Death Over Kyiv V Festival.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hornwood Fell, l'Italia estrema che va supportata!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calvaire, buone idee ma la strada é ancora lunga.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadow's Mortuary, la scena finnica cerca nuove soluzioni!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si festeggiano i 20 anni di "Legacy of Kings" degli Hammerfall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla