A+ A A-
 

EP di debutto per i giovani Ashen Fields: qualcosa da correggere, ma comunque una buona partenza EP di debutto per i giovani Ashen Fields: qualcosa da correggere, ma comunque una buona partenza Hot

EP di debutto per i giovani Ashen Fields: qualcosa da correggere, ma comunque una buona partenza

recensioni

titolo
Ashen Fields
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Symphonic Melodic Death Metal 

FFO: Insomnium, Wintersun, Dark Tranquillity 

LINE UP: 
Julio Rossanigo - vocals 
Davide Manzi - guitars, orchestrations 
Jacopo Ruggero - guitars 
Fabio Mereta - bass 
Alessandro Fanelli - drums 

TRACKLIST: 
1. Moonlit Ashes [02:08] 
2. The Darkness that I Command [03:39] 
3. The Gids' Vessel [05:29] 

Running time: 11:16 

opinioni autore

 
EP di debutto per i giovani Ashen Fields: qualcosa da correggere, ma comunque una buona partenza 2018-10-01 20:58:01 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    01 Ottobre, 2018
Ultimo aggiornamento: 04 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

EP di debutto per i genovesi Ashen Fields, band nata poco più di un anno fa dalla separazione di Davide Manzi, Jacopo Ruggero ed Alessandro Fanelli dai Path of Sorrow; poco dopo si aggiungeranno alla line up Fabio Mereta ed il vocalist Julio Rossanigo, ed è con questa formazione che i nostri registrano questo lavoro di tre pezzi (1 con intro strumentale) con cui cominciano a farsi conoscere.

Sul piano musicale, gli Ashen Fields suonano un buon Symphonic Melodic Death Metal, fornendo su questo EP una prestazione decisamente degna di nota, pur se con qualche cosa da rivedere qua e là. Se sul piano del Melodic Death non c'è assolutamente nulla da dire, grazie ad un buonissimo songwriting che molto ricorda soprattutto gli spettacolari Wintersun, è per quanto riguarda la parte Symphonic che i nostri dovranno lavorare per rendere il tutto più omogeneo, in un certo qual modo; soprattutto durante le strofe, le orchestrazioni risultano essere forse fin troppo protagoniste, prendendosi la scena risultando così, però, quasi un elemento di distrazione. Meglio va invece nei refrain: senza girarci troppo attorno, gli Ashen Fields hanno azzeccato alla grande i ritornelli sia di "The Darkness that I Command" che di "The Gods' Vessel": melodici, catchy, con orchestrazioni che si intersecano stavolta a meraviglia con il resto del comparto strumentale... Questo è esattamente il punto da cui potranno trovare grosse soddisfazioni gli Ashen Fields, rendendo il loro sound più fluido come in quei momenti precisi di questo loro primo lavoro.

Per ora una sufficienza sulla fiducia per la band genovese; il loro EP eponimo ha parecchi buoni spunti, il loro sound sembra già incisivo ed il tempo è dalla loro parte per correggere il tiro su poche cose.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Myrd, dalla Danimarca arriva una nuova ondata di terrore in musica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bergrizen, il nuovo 12"LP per il live al Holy Death Over Kyiv V Festival.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hornwood Fell, l'Italia estrema che va supportata!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calvaire, buone idee ma la strada é ancora lunga.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadow's Mortuary, la scena finnica cerca nuove soluzioni!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si festeggiano i 20 anni di "Legacy of Kings" degli Hammerfall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla