A+ A A-
 

EP di debutto per gli svizzeri Mnemocide, per i fans del Doom/Death centro-europeo EP di debutto per gli svizzeri Mnemocide, per i fans del Doom/Death centro-europeo Hot

EP di debutto per gli svizzeri Mnemocide, per i fans del Doom/Death centro-europeo

recensioni

gruppo
titolo
Debris
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Svizzera 

GENERE: Death Metal 

FFO: Asphyx, Bolt Thrower, (early) Sepultura 

LINE UP: 
Matthias - vocals 
Richy - guitars 
Chris - guitars 
Denge - bass 
Laurent - drums 

TRACKLIST: 
1. Only Shades [06:20] 
2. Pawns [03:38] 
3. Collapse [03:54] 
4. Soul Collector [05:23] 

Running time: 19:15 

opinioni autore

 
EP di debutto per gli svizzeri Mnemocide, per i fans del Doom/Death centro-europeo 2018-10-02 14:46:56 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    02 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

EP di debutto per gli svizzeri Mnemocide, band formatasi nel 2017 in quel di Basilea e che con questo "Debris" di offre una 20ina di minuti di Death a cavallo tra le sfumature doomeggianti ed epiche degli Asphyx e le marce sfuriate dei primissimi Sepultura. Ma come possiamo sentire già in rapida successione con i primi due dei quattro brani che compongono l'EP, "Only Shades" e "Pawns", è soprattutto l'ombra del colosso olandese che si staglia nelle pieghe del sound del quintetto svizzero, che a tempi rapidi e feroci predilige pesanti mid-tempos, concedendosi poco o nulla ad accelerate da moshpit -solo in "Collapse", brano con incipit e strofe sepulturiani-. Toni à la Sepultura che tornano prepotentemente anche nel refrain della conclusiva "Soul Collector", accelerando ed indurendo un pezzo in cui palese -come nel resto dell'EP- è l'influenza di van Drunen e soci.

Poco o altro da aggiungere: con questo rapido EP gli Mnemocide dichiarano la loro passione per un certo tipo di sonorità, eseguendo bene il loro compito; grazie anche ad un'ottima produzione, "Debris" risulta essere un EP godibile, che piacerà senz'altro agli amanti delle sonorità centro-europee. Magari per il futuro sarà da correggersi in quanto a personalità, ma sul piano musicale la band svizzera è già su una buona strada.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla