A+ A A-
 

Potente, malato e cafone: il nuovo album dei messicani Centauro Potente, malato e cafone: il nuovo album dei messicani Centauro Hot

Potente, malato e cafone: il nuovo album dei messicani Centauro

recensioni

gruppo
titolo
Daño Colateral
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:

  • Aberrante creación
  • Extenuante cometido
  • I.D.S.
  • Al pie del borde
  • El derecho del mártir
  • En decadencia
  • Sentencia de muerte
  • Colmando un obscuro vacío
  • Delirio esquizofrénico
  • Impulso terminal
Line-up:
  • Iván García: guitars/vocals
  • Roberto Lizarraga: guitar
  • Hecris Estrada: bass
  • Mario Rivera: drums

opinioni autore

 
Potente, malato e cafone: il nuovo album dei messicani Centauro 2018-10-03 18:08:01 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    03 Ottobre, 2018
Ultimo aggiornamento: 04 Ottobre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Potente, malato e cafone. Questi gli aggettivi migliori per definire la nuovissima fatica dei messicani Centauro, "Daño colateral": un tripudio di thrash metal irriverente e distruttivo che sbatte in faccia al mondo il potenziale di questa macchina disumana nata nel 2010. Già solo l'argomento trattato nel disco dovrebbe essere sufficiente a darvi un'idea di cosa vi aspetta: i crimini commessi da una mente malata nata a seguito di uno stupro culminanti nel suicidio della stessa. Insomma, robetta tranquilla eh!?
In questo caso mi risulta davvero difficile darvi un'idea effettiva del materiale proposto, in quanto ciascun brano, a mio avviso, è un climax ascendente che ripercorre esattamente la follia del protagonista e gli avvenimenti che si succedono. Potrei, però, partire con l'opening "Aberrante Creacion" e concludere con l'ultima traccia "Impulso Terminal", tanto per farvi capire l'evoluzione stilistica che si avverte via via che si procede con l'ascolto: se all'inizio troviamo dei riff in stile Testament ed Exodus con degli spettacolari passaggi death molto cromatici e fuori scala, ecco che verso la fine lo stile muta, proponendoci un impatto più cafone e malato che ricalca moltissimo il suono tedesco dei Kreator e, soprattutto, dei Sodom. Un modo molto particolare per renderci partecipi dell'odio nei confronti del mondo del tipo in questione... la sua sempre più crescente follia che sfocia nell'atto finale e più distruttivo.
Spettacolare, quasi fosse il filo conduttore dell'intero lavoro, è anche la forte influenza hardcore anni '90 con quelle tipiche blastate a mille con annesse chitarre corrosive e voce quasi strillata. Su quest'ultima, poi, c'è da fare un particolare discorso: tanti complimenti a Iván e al suo cantato che riesce magistralmente ad unire un sound potente e rimbombante ad un più stridulo e acido e al difficile compito di riuscire ad essere orecchiabile cantando in spagnolo anziché in inglese. Un punto in più per questo "Daño Colateral". Se poi aggiungiamo l'ottima caratterizzazione di ciascun brano e, di conseguenza, l'essere riusciti a creare un proprio stile che ben si differenzia dai soliti canoni triti e ritriti, ecco che i Centauro si beccano il voto più alto di diritto. Ascoltare per credere. Anzi, ascoltateli e basta e capirete cosa significa spaccare i c**i!

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla