A+ A A-
 

Un nuovo viaggio tra le emozioni con questo nuovo album dei Crippled Black Phoenix Un nuovo viaggio tra le emozioni con questo nuovo album dei Crippled Black Phoenix Hot

Un nuovo viaggio tra le emozioni con questo nuovo album dei Crippled Black Phoenix

recensioni

titolo
Great Escape
etichetta
Season Of Mist
Anno

Line up:

Justin Greaves – drums, percussion, guitars, bass, samples, saw, vocals

Ben Wilsker – drums

Daniel Änghede – guitar, backing vocals

Jonas Stålhammar – guitar

Tom Greenway – bass

Mark Furnevall – synthesizers, Hammond, backing vocals

Helen Stanley – grand piano, synthesizer, backing vocals, trumpet

Belinda Kordic – vocals, percussion

 

Tracklist:

  1. You brought it upon yourselves
  2. To you I give
  3. Uncivil War (pt. I)
  4. Madman
  5. Times, They are a’raging
  6. Rain black, Reign heavy
  7. Slow motion break down
  8. Nebulas
  9. Las diabolicas
  10. Great Escape (pt I)
  11. Great Escape (pt II)

opinioni autore

 
Un nuovo viaggio tra le emozioni con questo nuovo album dei Crippled Black Phoenix 2018-10-09 15:39:48 Virgilio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Virgilio    09 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Crippled Black Phoenix si sono messi in evidenza per una discografia già abbastanza prolifica e variegata, tanto che il loro stile è stato definito di volta in volta, con definizioni anche abbastanza creative, come stoner prog, freak folk o psychedelic doom. Di base, comunque, nella loro musica si possono riscontrare, come elementi caratterizzanti, una vena dark, unita ad una certa melanconia di fondo: una sorta di estensione della visione e dello stato d’animo del suo leader Justin Greaves, il quale, proprio tramite la musica, trova linfa e forza per combattere una forte depressione, che purtroppo lo attanaglia da qualche tempo a questa parte. La musica di questo “Great Escape” è dunque molto atmosferica, soffusa, quasi un sottofondo discreto, che mira ad avvolgere l’ascoltatore in un impianto sonoro ad alto impatto emotivo, benchè di tanto in tanto provi pure ad esplodere in passaggi più determinati ed incisivi. La tracklist è dunque composta sia da brevi tracce strumentali, che scorrono via senza particolare enfasi, sia da tracce molto lunghe e dalla struttura aperta, nelle quali Greaves trova modo di far fluire una serie di sensazioni ed emozioni, fatte confluire in modo alquanto spontaneo, senza ragionarci troppo, per quanto comunque in maniera alquanto lucida. D’altronde, si ravvisa una certa cura anche negli arrangiamenti e nella scelta di spaziare con l’utilizzo di diversi strumenti come l’organo, la tromba, anche qualche timbro che ricorda la fisarmonica (come in “Times, They are a’raging”), oltre a synth ed effetti vari, che talvolta danno un senso un po’ di “spaziale”, cosmico. Particolare anche l’uso delle voci, mai sovrastanti, sempre molto soffuse, anche quando la band si avvale di voci femminili (in particolare, della cantante Belinda Kordic). Insomma, “Great Escape” è un disco molto particolare, che certamente trova i suoi punti di forza non tanto in riff duri e ritmi veloci, quanto nella sua capacità di essere introspettivo e atmosferico: peraltro, considerando che la sua durata si assesta intorno ai settantatre minuti (che diventano circa novanta, se si aggiungono due bonus track), parliamo di un album che va certamente assaporato con molta calma e tranquillità e senza alcuna fretta.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Myrd, dalla Danimarca arriva una nuova ondata di terrore in musica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bergrizen, il nuovo 12"LP per il live al Holy Death Over Kyiv V Festival.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hornwood Fell, l'Italia estrema che va supportata!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calvaire, buone idee ma la strada é ancora lunga.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadow's Mortuary, la scena finnica cerca nuove soluzioni!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si festeggiano i 20 anni di "Legacy of Kings" degli Hammerfall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla