A+ A A-
 

Hammer King, che scoperta! Hammer King, che scoperta!

Hammer King, che scoperta!

recensioni

titolo
"Poseidon will carry us home”
etichetta
Cruz del Sur
Anno

 

TRACKLIST

1. Poseidon will carry us home

2. The King is a deadly machine

3. Battle of wars

4. 7 days and 7 Kings

5. Warriors of Angelhill

6. Where the hammer hangs

7. Last rites

8. Glorious night of glory

9. Locust plague

10. At the mercy of the waves

11. We sail Cape Horn

12. Meatus majestatis

 

 

LINE-UP

Titan Fox - vocals / guitars

Gino Wilde - guitars

K.K. Basement - bass

Dolph A. Macallan – drums

opinioni autore

 
Hammer King, che scoperta! 2018-10-13 10:08:59 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il vantaggio di far parte di una webzine come allaroundmetal.com, lo sostengo da sempre, è quello che ti permette di scoprire validissime bands di cui altrimenti probabilmente non avresti mai sentito parlare. E’ questo il caso per me dei tedeschi Hammer King, autori finora di due dischi usciti per Cruz del Sur Music nel 2015 e 2016, giunti con questo “Poseidon will carry us home” al traguardo del terzo album. Già il nome potrebbe far venire in mente gli Hammerfall (sempre di martelli si tratta....), ma sono bastate le prime note di questo lavoro per convincermi che questo parallelismo non è così campato in aria; direi anzi che questi tedeschi sono molto ispirati dal sound creato da Oscar Dronjak e C., ma con una differenza fondamentale: sono anni che gli Hammerfall non sono più capaci di suonare a questa maniera! Magari fossero ancora così ispirati!! Gli Hammer King fanno loro la lezione di dischi storici come “Glory to the brave” e “Legacy of kings” e la portano nel 2018, con un power metal fresco, ricco di energia, suonato divinamente, pieno di assoli e ritmo, nonché cantato anche molto bene. Il singer Titan Fox non ha la voce acuta di Joacim Cans e non commette l’errore di cercare di arrivare a note che la natura non gli consente, ma anzi riesce anche ad essere caldo ed espressivo, quando il climax del brano lo richiede. A differenza della band svedese, questi tedeschi nei loro testi si ispirano alle avventure epiche di un re, creando un vero e proprio concept intitolato “La trilogia nautica”, anche se, non conoscendo i precedenti dischi, non mi è noto quale capitolo della trilogia sia qui rappresentato. Tornando alla musica, devo dire che in questo disco non riesco a trovare difetti; ogni ascolto è decisamente gradevole ed ogni volta la voglia di ricominciare è sempre forte. Canzoni valide ce ne sono in quantità; dalla suite maideniana “We sai Cape Horn”, fino alle veloci “The king is a deadly machine”, “Where the hammer hangs” e “Locust plague”, passando per le orecchiabili “7 days and 7 Kings” e “Glorious night of glory”; è comunque tutto il disco a conquistare e convincere nella sua interezza. Personalmente andrò immediatamente a procurarmi anche la passata discografia degli Hammer King, perchè questo “Poseidon will carry us home”, dotato tra l’altro di artwork molto valido, è indubbiamente tra i dischi migliori che abbia ascoltato finora nel 2018 e finirà di sicuro nella mia personale top10 dell’anno!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Myrd, dalla Danimarca arriva una nuova ondata di terrore in musica!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bergrizen, il nuovo 12"LP per il live al Holy Death Over Kyiv V Festival.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hornwood Fell, l'Italia estrema che va supportata!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calvaire, buone idee ma la strada é ancora lunga.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadow's Mortuary, la scena finnica cerca nuove soluzioni!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si festeggiano i 20 anni di "Legacy of Kings" degli Hammerfall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla