A+ A A-
 

TUFFO NEL PASSATO PER GLI HIRAX! TUFFO NEL PASSATO PER GLI HIRAX! Hot

TUFFO NEL PASSATO PER GLI HIRAX!

recensioni

gruppo
titolo
Born In The Streets 1983/84
etichetta
F.o.a.d. Records
Anno

BAND

Katon W. de Pena :: Vocals

Steve Harrison :: Bass

Lance Harrison :: Guitars

Mike Vega :: Drums

 

TRACKLIST

1. Born in the streets 80

2. Battle cry 80

3. Stand and be counted 80

4. Believe in the king 80

5. To be free 80

6. The saviour 80

7. War hero 80

8. Intro + Life Goes On 80

9. She's man killer 80

10. My baby 80

11. Y.B.D. 80

12. Runnin'

opinioni autore

 
TUFFO NEL PASSATO PER GLI HIRAX! 2018-11-13 14:35:48 Francesco Noli
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Francesco Noli    13 Novembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questa compilation degli Hirax farà la gioia di tutti gli amanti della band e dei collezionisti più intransigenti nonchè feticisti incalliti; infatti questo Born in The Streets è composto dal primissimo Demo del 1984 con l'aggiunta di 3 songs rimaste nel cassetto e rispolverate per l'occasione nonchè dall'unico demo dei L.A.Kaos dell'anno prima, prima band assoluta di Katon Pre-Hirax. Come avrete già capito si tratta di un cimelio importantissimo in quanto sono tutte registrazioni che vengono dalla collezione privata di Katon che, in maniera molto sorniona, ha deciso al momento giusto di tirarle fuori vista la pausa discografica degli Hirax ormai da 2 anni in giro per concerti (passati l'anno scorso anche in Italia). Non è il caso di esprimersi sulla nitidezza del sound o sulle registrazioni, perchè qui il valore intrinseco è ben altro, ma non vi aspettate il Thrash caciarone e strabordante che ha sempre caratterizzato i nostri; siamo più nelle lande dello speed metal, come si evince dalle prime tracce del demo della band madre: canzoni corte, veloci e melodiche come l'opener "Born In The Streets" o addirittura la seguente "Battle Cry", neanche 2 minuti di speed/metal duro e puro. Sono i primi vagiti della band fresca del cambio di monicker (Katon decise di cambiare il nome in Hirax un giorno mentre stava leggendo un giornale nel bagno dell'allora batterista Brian Keith e fu colpito da questa parola) che giustamente stava cercando ancora una sua identità, ma che si muoveva maledettamente bene! Anche le altre 3 songs non apparse al tempo su demo rendono giustizia e sono bellissime così ingenue, sgraziate con tutta la veemenza dei 4 teenegers americani. La seconda parte del lavoro è, se vogliamo, ancora più appetibile e consiste come già detto nel demo dei L.A.Kaos che consta di 4 songs più intro, dove i suoni sono pastosi, figli di una registrazione in presa diretta su un 4 piste di fortuna! Qui siamo addirittura in territorio Heavy Metal un po' monotono (Life Goes On), ma anche cazzuto (i 2 minuti "Running" per esempio); già si sentiva che i ragazzi avevano stoffa anche se chiaramente mancavano di esperienza. Sarà che a me personalmente queste uscite mi hanno sempre incuriosito e ne sono stato sempre favorevole, onde per cui un mezzo voto in più i nostri se lo prendono; d'altro canto non posso che consigliare questa uscita solo agli amanti degli Hirax e affini, oltre che ai collezionisti più incalliti della scena metal anni '80, che faranno salti di gioia nell'avere tra le mani un prodotto custodito nei cassetti per ben 35 anni!!!

Francesco Noli

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Rhapsody Of Fire tornano a fare sul serio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il progetto Avantasia si conferma come assoluto fuoriclasse
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Steel Shock suonano un piacevole epic metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla