A+ A A-
 

Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90 Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90 Hot

Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90

recensioni

gruppo
titolo
Neoteric Commencements
etichetta
Sleeping Church Records
Anno

PROVENIENZA: Australia 

GENERE: Melodic Death Metal 

FFO: At the Gates, (early) In Flames, The Crown, (early) Arch Enemy 

LINE UP: 
Pierre - vocals, bass 
Jed - guitars 
Joel - guitars 
Warren - bass 

TRACKLIST: 
1. Wake of a Dead Gids Robe [03:23] 
2. Drown Amongst Serpents [04:09] 
3. Slaves to the Tyrants [04:07] 
4. The Eighth Door [04:21] 

Running time: 16:00 

opinioni autore

 
Rituals: dall'Australia una band che sembra uscire dalla Svezia dei primi anni '90 2018-11-16 20:31:32 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debuttano con questo EP a titolo "Neoteric Commencements" prodotto da Sleeping Church Records gli australiani Rituals, Melodic Death Metal band di Melbourne che prende ispirazioni dai pionieri del MeloDeath svedese (At the Gates, primi In Flames, The Crown...). Il quartetto si forma solo lo scorso anno, ma non deve comunque stupire l'alta qualità del loro prodotto, essendo la line up formata da musicisti con un bagaglio d'esperienza non da poco - vedi ad esempio il batterista Warren Vassallo, ex-Deströyer 666 ed ex-Anatomy, o il bassista/cantante Pierre, ex-Devilish Era ed attuale membro degli Atolah -. Nei sedici minuti dell'EP, i nostri ricalcano quanto fatto dalle leggendarie bands svedesi all'inizio delle loro carriere, dandoci quindi in pasto un lavoro che sembra letteralmente uscir fuori dalla Svezia della prima metà degli anni '90, seppur con uno stile vocale di Pierre che si avvicina più a quello di altri "vecchiacci" come Matti Kärki (Dismember) ed LG Petrov (Entombed). Quattro brani che formano "Neoteric Commencements" in cui la melodia è protagonista, ma non isolata: il suono dei Rituals riesce ad essere anche estremamente compatto e duro, sforando anche verso l'old school Swedish Death nell'ultima traccia, "The Eighth Door", in quel mix di stili che possiamo ritrovare soprattutto nei The Crown. Un buon lavoro quello del quartetto australiano, il cui ascolto è, da par mio, altamente consigliato, anche perché riesce ad accendere la curiosità su questa neonata band facendo sperare che il prossimo lavoro sia su lunga distanza.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Rhapsody Of Fire tornano a fare sul serio
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il progetto Avantasia si conferma come assoluto fuoriclasse
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Steel Shock suonano un piacevole epic metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla