A+ A A-
 

Apocalisse dal Sud Italia: l'esordio dei RØT Apocalisse dal Sud Italia: l'esordio dei RØT

Apocalisse dal Sud Italia: l'esordio dei RØT

recensioni

gruppo
titolo
No Hope
etichetta
Autoproduzione
Anno

1.Disillusionment
2.Pitch Black 3.050395 (feat. Dave Colaianni Of Nomura)
4.Übermensch (feat. Antonio Romito Of Intracranial Purulency)
5.Descend Into Pure Nothingness

opinioni autore

 
Apocalisse dal Sud Italia: l'esordio dei RØT 2018-12-30 18:27:09 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    30 Dicembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sud Italia è sempre vivo e pulsante specie per quanto riguarda sonorità nerissime e cupe. Dalle calde terre meridionali compare un nuovo progetto musicale, un duo per l’esattezza, a nome RØT. Le due menti dietro alla band sono Giovanni alla voce e Simone che si occupa di tutti gli altri strumenti. Il genere trattato si avvicina ad un certo doom/post-metal apocalittico e malvagio definito dal duo come doomcore/deathcore. Il dischetto in oggetto è il primo EP, No Hope.

Sei sono i brani dell’opera, principalmente tutti sui cinque/sei minuti di durata, che offrono una più che buona qualità sonoro/compositiva. La musica è densa di apocalisse imminente, di un senso glaciale dove il doom più tragico flirta con il post-hardcore per creare un massiccio ibrido pesante e sfibrante. Ovviamente non ci si trova dinnanzi alla nuova frontiera dell’estremo ma ciò che si ascolterà è decisamente meritevole di attenzione. Il suono scorre lentamente scandito dalle vocals che si dimenano tra lo screaming ed il growl (“Disillusionment”), talune volte la chitarra si fa presente inserendoci del groove oscuro e martellante (“Pitch Black” con il suo ondeggiare tra pacatezza e velocità furiosa) ed in altre domina l’atmosfera come nella goticheggiante “(050395)” con il suo deflagrare epico/marziale, inserti acustici ed un finale tenebroso. “Ubermensch” continua il percorso sonoro confermandone le potenzialità e la finale “Descend Into Pure Nothingness” mescola in maniera sapiente industrial, arrangiamenti di archi ed il consueto incedere rallentato e velenoso.

Per essere un esordio tutto è ben amalgamato e coinvolgente con buone idee che se sviluppate a dovere potrebbero portare a sfiziose sorprese. Da tenere d’occhio!!!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Deathrite, ma cosa diamine vi è successo?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Æthra" i francesi Gorod vanno per l'ennesima volta a segno
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Talento si ma personalità da migliorare per i Plainride
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un live album infuocato per power/heavy metallers Reverence
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto discreto per i Bölthorn, anche se ancora troppo derivativo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Demonik pagano la voglia di strafare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla