A+ A A-
 

Symphonic metal al top! Esordio per i Diamorte! Symphonic metal al top! Esordio per i Diamorte! Hot

Symphonic metal al top! Esordio per i Diamorte!

recensioni

gruppo
titolo
The Red Opera
etichetta
Dark Star Records
Anno

1. Welcome to the Shadelands
2. Scarlet Mercy
3. The Everlasting Night
4. Ashes and Sorrow
5. Lovesong of the Damned
6. Interlude: Fayte’s Aria
7. Theme of the Betrayer
8. Savior Nevermore I: The Confrontation
9. Savior Nevermore Ii: The Devouring Shadow
10. Vae Victis

opinioni autore

 
Symphonic metal al top! Esordio per i Diamorte! 2018-12-30 20:02:35 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    30 Dicembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 31 Dicembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quasi 13 anni sono passati dalla fondazione del collettivo americano symphonic metal Diamorte e finalmente esce il debutto discografico a nome The Red Opera. Punto forte della formazione è la presenza di ben quattro vocalists, tra cui il leader Drake Mefestta si occupa delle growl vocals, mentre le clean vocals sono affidate a due avvenenti fanciulle più ad un’ulteriore voce pulita maschile. Ad impreziosire il combo vi è la presenza di ben tre special guests, ossia Michael Romeo e Mike Lepond dei Symphony X più Markus Johansson dei THEM.

Spesso questa sorta di super gruppi non rendono così bene come ci si aspetterebbe, ma fortunatamente non è questo il caso dei Diamorte. I gruppi di metal sinfonico tendono troppo ad assomigliarsi uno dall’altro, oppure si presentano poveri sotto tutti i punti di vista. Le composizioni della band americana invece si presentano molto solide, complesse quanto basta e non troppo simili a colleghi più quotati. Gli arrangiamenti sinfonici sono curatissimi ed esplodono letteralmente e si integrano molto bene alle parti metalliche creando un connubio ottimale. Qualche problema subentra nel massiccio uso di voci che purtroppo non sempre sono comprensibili, specie per quel che riguarda le brave coriste messe troppo in sottofondo e non è possibile godere appieno del loro lavoro (si ascolti a tal proposito “The Everlasting Night” dal crescendo epico), tranne quando le atmosfere si fanno più sognanti, come nell’eterea “Interlude: A Fayte’s Aria". Non mancano brani più estremi ed allo stesso tempo imponenti (“A Scarlet Mercy” che ricorda i Dark Moor) e neppure quelli più lunghi ed articolati (“Savior Nevermore I - The Confrontation” e “Savior Nevermore II - The Devouring Shadow”, dove subentrano continui cambi di tempo e di atmosfera), come pure di derivazione epicheggiante come nella finale e maestosa “Vae Victis”. Tutto è davvero orchestrato e suonato bene, mostrando una band che ha lavorato molto e si è preparata al massimo per offrire un prodotto di qualità, nonostante ancora qualche cliché, ma la strada intrapresa è davvero quella giusta.

Finalmente una band che si discosta in maniera più marcata dalla concorrenza e che sorprenderà gli amanti del metal sinfonico, come pure della grande musica in generale. Consigliato!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

The Destroying Laser: difficile restare indifferenti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta di Blaze Bayley!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quella pazzia esilarante che rende i The Prophecy 23 divertenti al punto giusto!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo album per la one man band Necrotombs
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ci han messo un po', ma non delude il ritorno dei Mass Murder
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: old school Death Metal nella sua totalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Discreto l'esordio assoluto dei canadesi Third Chamber
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il groove moderno dei Your Last Wish
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla