A+ A A-
 

Tra melodic death e folk, questo terzo album degli svizzeri Abinchova risulta troppo prolisso Tra melodic death e folk, questo terzo album degli svizzeri Abinchova risulta troppo prolisso

Tra melodic death e folk, questo terzo album degli svizzeri Abinchova risulta troppo prolisso

recensioni

gruppo
titolo
Weltenwanderer
etichetta
Massacre Records
Anno

Tracklist:

  • 01. Präludium
  • 02. Weltenwanderer
  • 03. Lichtfänger
  • 04. Schatzhüter
  • 05. Eulenmann
  • 06. Gewässerdieb
  • 07. Nachtlied
  • 08. Gestaltenwandler
  • 09. Liedermacher
  • 10. Pestwind
  • 11. Tannkönig
  • 12. Adlermädchen
  • 13. Sennenpuppe

Line-up:

  • Arnaud Hilfiker- Vocals
  • Manuel Wiget - Bass
  • Michael Maierhofer- Guitar
  • Mischa Blaser - Drums
  • Nora Lang - Vocals, Violin
  • Patricia Lang - Keyboard
  • Serge Hauri - Guitar

opinioni autore

 
Tra melodic death e folk, questo terzo album degli svizzeri Abinchova risulta troppo prolisso 2019-01-08 19:46:36 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    08 Gennaio, 2019
Ultimo aggiornamento: 08 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Conoscevo già (non benissimo) gli svizzeri Abinchova e la loro proposta: un melodic death molto alla Insomnium ingentilito ulteriormente dalla voce femminile, dalla presenza del violino e da un approccio tendente al folk. Un bel mix, sicuramente non canonico ed interessante! Già, peccato solamente che nella loro ultima fatica "Weltenwanderer", la band riesce a malapena a raggiungere la sufficienza per un solo e semplice motivo: è un album, questo, che sfocia troppo nell'anonimato risultando prolisso e quasi noioso.
Cerco di spiegarmi meglio. Da un punto di vista prettamente stilistico e di competenza musicale, non ho assolutamente nulla da dire, tanto che è un punto che sorvolerò in questa recensione essendo un dato di fatto che gli Abinchova sappiano suonare: ottimi riff, suoni cristallini, groove sostenuto... l'impalcatura c'è. Cosa c'è che non va? La monotonia dell'approccio che fa calare l'entusiasmo dell'ascoltatore brano dopo brano: come puoi proporre un album di dodici tracce, per un totale di oltre un'ora di ascolto, se poi i due terzi di queste sono uguali? Come si può pensare di proporre pezzi senza personalità e sperare che l'ascoltatore non si addormenti? Ecco qual è il "solo" difetto di questo "Weltenwanderer", il quale mostra una band che potrei additare con l'odiosa frase:" è brava ma non si applica". Brava perché qualcosa che si salva c'è, ovvero la parte iniziale dell'album: qui troviamo tracce come l'omonima "Weltenwanderer", "Lichtfänger" e "Schatzhüter" davvero molto fresche e godibili, un vero turbinio nel quale le chitarre squillano, il violino in sottofondo crea quell'atmosfera alla Eluveitie e la bellissima voce di Nora impreziosiscono il tutto. Un fuoco di paglia però dato che il resto è praticamente un copia/incolla nel quale neanche mi accorgevo di passare da un brano all'altro. Questo è il vero problema dell'album!
La prossima volta mettete meno tracce o fate in modo che ciascun pezzo sia una colonna portante dell'intero lavoro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Deathrite, ma cosa diamine vi è successo?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Æthra" i francesi Gorod vanno per l'ennesima volta a segno
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Talento si ma personalità da migliorare per i Plainride
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un live album infuocato per power/heavy metallers Reverence
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto discreto per i Bölthorn, anche se ancora troppo derivativo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Demonik pagano la voglia di strafare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla