A+ A A-
 

Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese! Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese!

Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese!

recensioni

gruppo
titolo
Synviljor
etichetta
Nordvis Produktion
Anno

Tracklist:

1. Frälsefrosten 06:30

2. Skogsbrand 07:50

3. En närvaro av då 04:53

4. Den kusligaste av gäster 05:37

5. Myr 07:23

6. Över blodiga vidder 08:20

7. Ut ur tid och rum 06:16

opinioni autore

 
Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese! 2019-01-20 17:55:07 Rob M
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Rob M    20 Gennaio, 2019
Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Finalmente riesco ad ascoltare un gruppo che riprenda là dove i primi Borknagar ed i primissimi Arcturus avevan lasciato! Stilla, dalla Svezia, arrivano con "Synviljor" al loro quarto full ed il risultato é assoluto! Ho assaporato questo disco dal primo all'ultimo momento, con un po' di nostalgia, ma anche con grande ammirazione per una band capace di rielaborare delle atmosfere che ho amato per tantissimi anni in maniera fresca ed al contempo genuina. Sin da subito con "Myrmarken" i nostri non tardano nel dar a vedere di cosa sia fatta la loro proposta ed il tutto viene risaltato da una produzione moderna, eppure vintage, con sonorità d'altri tempi.
Il drumming é forse uno dei punti di riferimento sotto questa ottica, come d'altronde lo sono l'utilizzo di tastiere novantiane ed un riffing che non risulta innovativo, ma che gode di un gusto fuori dall'ordinario. Ci son dei passaggi alla Enslaved, altri che ricordano le bands sopra citate, ma il tutto ha un sapore ricco ed intenso, che riporta alla mente alcuni dei motivi per cui amiamo questo genere! Il senso di "no compromise" che non é mai morto, la passione per ciò che é stato che si può ascoltare nota dopo nota. "Synviljor" é per questo un album che va avvalorato e che sorprendentemente non ha raggiunto l'Italia - sino ad ora - come invece avrebbe dovuto! Un lavoro imponente che ci ricorda da dove arriviamo. Per quanto mi riguarda, un disco su cui dovrò mettere mano al piú presto e che risulta essere un classico del genere, nonostante uscito ai giorni nostri.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il secondo disco dei Thornbridge è davvero notevole
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Accept: terrore sinfonico on stage
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Suidakra propongono un album Celtic acustico lontano dalla loro discografia.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
TrollfesT: I folk-troll norvegesi tornano con una nuova esplosiva miscela di stili
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Halcyon Way: la band di Atlanta di nuovo alla carica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla