A+ A A-
 

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga" Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga" Hot

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"

recensioni

titolo
“Origine – The black crystal sword saga part 2”
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Origine

2.      Impious dystopia

3.      Fantasy’s wings

4.      Aureum legacy

5.      Light

6.      Oscurità

7.      Titanism

8.      The hollow

9.      Home of the rejects

10.  The great divide

 

 

LINE-UP:

Sara Squadrani - Vocals

Martino Garattoni - Bass

Daniele Mazza - Keyboards

Claudio Pietronik – Guitars

Simone Bertozzi – Guitars

Federico Gatti - Drums

opinioni autore

 
Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga" 2019-02-14 10:57:09 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    14 Febbraio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono orgoglioso di annunciare di essere un membro del cavalierato degli Ancient Bards, avendo contribuito nel mio piccolo alla realizzazione del quarto album della band riminese, intitolato “Origine – The black crystal sword saga part 2”. Ho avuto l’opportunità di prendere la deluxe edition, limitata e numerata (nr. 291 di 500), che contiene anche un secondo cd, con tutti i pezzi in versione orchestrale. A conferma dell’estrema miopia del music business che ci inonda continuamente di immondizie musicali ed ignora gruppi di talento, anche gli Ancient Bards sono stati costretti all’autoproduzione e sono riusciti a realizzare questo gioiello grazie al crowdfunding. Una splendida copertina fantasy (opera di Vincent Lefevre) ci introduce ad “Origine – The black crystal sword saga part 2”, che riprende le tematiche dell’album di esordio, lo splendido “The alliance of the kings” del 2010. E’ anche il primo disco con il nuovo chitarrista Simone Bertozzi, che si occupa anche dei frequenti interventi in growling. Questa volta gli Ancient Bards hanno fatto le cose in grande ed hanno realizzato una bomba di disco, con un symphonic power fresco, emozionante e coinvolgente. Si potrà obiettare che i richiami ai Rhapsody sono evidenti, ma ritengo sia normale ispirarsi a chi questo particolare genere lo ha di fatto inventato. C’è poi la splendida voce di Sara Squadrani a fare la differenza; per chi non la conoscesse ancora, non ci troviamo davanti alla classica voce lirica, ma ad una donna dallo stile versatile, caldo ed espressivo che sa modulare la propria prestazione canora a seconda del climax del singolo pezzo, qualità decisamente fuori dal comune; basta ascoltare e paragonare tra loro due pezzi tanto differenti come l’aggressiva “Impious dystopia” che apre l’album in maniera esplosiva (da cui è anche stato tratto un video) e la dolcissima “Light”, struggente ballad posta a metà della tracklist, per capire come la singer sappia districarsi bene in entrambe le vesti, dolce ed aggressiva. Per suonare questo genere musicale bisogna avere tecnica da vendere e tutti i musicisti del gruppo si distinguono in tal senso, avendo ognuno una parte fondamentale nell’insieme. Dopo l’intro recitata che dà il titolo all’album, ci sono 9 pezzi uno più bello dell’altro, uno più indovinato dell’altro fino alla suite conclusiva “The great divide” che suggella in maniera eccezionale un lavoro di grande valore. Stupisce decisamente come un disco di simile qualità sia sfuggito all’attenzione delle case discografiche ed abbia costretto la band all’autoproduzione. Nel symphonic power è fondamentale la perfezione nella registrazione; in questo gli Ancient Bards sono andati sul sicuro affidandosi alle mani esperte di Simone Mularoni e dei suoi Domination Studios, ormai una garanzia a livello internazionale. “Origine – The black crystal sword saga part 2” si candida ad essere tra le migliori uscite del 2019 in campo symphonic power e spero che gli Ancient Bards possano trovare così quell’affermazione che sicuramente meritano per il loro enorme talento e per la qualità sopraffina della loro musica.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Buone potenzialità nel debutto dei danesi Ironguard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
X-Romance, hard rock melodico talmente ordinario da annoiare fin da subito.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Energia, sudore, dedizione sono gli ingredienti dell'ottimo hard rock dei 99 Crimes
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
March against the tides, un nuovo progetto dalla Norvegia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
War Curse, thrash di buona fattura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Allagash, che peccato!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Night Screamer hanno le carte in regola per migliorare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunghe tracce senza schemi precostituiti in questo secondo album dei Tanagra.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
BitchHammer thrash grezzo ed estremo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince l'EP di debutto degli svedesi Blutfeld
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla